Cannondale Moterra LT1 – Prova completa

21 Set 2022

Scritto da Gianni Biffi il 21 Settembre 2022 .

Dopo il primo contatto con la Moterra LT1 ( che potete leggere qui ) abbiamo continuato ad usare la stessa su vari percorsi conosciuti per avere un’ idea più completa del prodotto e per poter così dare un’ opinione il più veritiera possibile come nel nostro costume . Per chi non si ricordasse Vi rammentiamo che sulla Moterra LT1 della nostra prova abbiamo sostituito l’ ammortizzatore posteriore con un Ohlins TTX 22 M2 a molla, gli pneumatici con un Hillbilly Grid gravity T7 all’ anteriore e un Eliminator Grid gravity T7 al posteriore oltre ai “soliti” dischi freno BCA Y0D4 . Questi piccoli upgrade vengono da noi fatti solitamente su quasi tutte le biciclette o E-MTB che proviamo per avere sempre dei riferimenti il più possibile simili alle altre prove e poter così giudicare il prodotto secondo un protocollo di prova sempre il più vicino possibile alle altre prove effettuate . Alla fine , dopo più di 500 chilometri percorsi eccoVi le nostre impressioni come segue .

 

Estetica : la Moterra LT1 è sicuramente molto curata nella grafica con i suoi tre colori molto ben accoppiati . Quando l’ appoggiavo ad un albero a un muretto mi sono sempre soffermato a guardarla compiaciuto e molte conferme in tal senso sono arrivate dai miei compagni di uscita e da altri Bikers incrociati sui sentieri . Bella, bella, bella ! Voto 10 .

Posizione di guida : la posizione in sella è corretta anche se la Medium della prova risulta più corta di top tube in confronto ad altre realizzazioni . Per contro la Moterra LT1 non è per niente corta avendo un interasse dichiarato di 1242 mm con le ruote mullet e di conseguenza un carro abbastanza contenuto ( 452 mm ) . Voto 8 .

Sospensioni : la forcella Rock Shox ZEB Select+ e il leveraggio posteriore sono molto controllati e sostenuti tanto che non sembra nemmeno di essere su una 170 / 170 mm di travel ma su una E-MTB con corse più corte . Nonostante l’ adozione dell’ ammortizzare Ohlins TTX2 M2 , come già detto sopra , il carro è veramente molto fermo in pedalata e sui piccoli urti tanto da conferire alla Moterra una pedalabilità e una risposta alle accelerazioni secondo forse solo a un’ altra realizzazione sul mercato : una sospensione molto rigida e controllata che molto potrà piacere a chi ricerca grandi prestazioni in spinta come gli agonisti ma che per me , comune mortale , è veramente sin troppo rigida . Insomma se cercate una E-MTB da Enduro del tipo “schiacciasassi” forse sarebbe meglio guardare altrove, mentre se cercate prestazioni in pedalata e spinta questa è la Vostra E-MTB !  Voto 6,5 .

Salita scorrevole : il nuovo motore Bosch CX Flow con il nuovo livello d’ assistenza AUTO è veramente una bomba e unito alla sospensione così rigida permette velocità d’ ascesa sconosciute a altri prodotti . Voto 9,5 .

Salita tecnica : avendo installato il livello d’ assistenza AUTO sul motore Bosch CX Flow abbiamo dovuto rinunciare ad un altro livello e la nostra scelta personale , dopo alcune prove , è stata quella di rinunciare all’ E-MTB e quindi ad uno dei due livelli dinamici poiché con l’ assistenza impostata su AUTO si sale velocemente anche su sentieri tecnici a condizione di avere grande prestanza fisica e puntare gli ostacoli con decisione . Se invece si volesse guidare in punta di piedi meglio usare un Turbo basso e sfruttare la funzione Extended Boost ivi presente con la solita reattività alla spinta riservata a questa funzione . Oltre a questo dobbiamo anche considerare la trazione da riferimento assoluto nella categoria mullet bikes : la meno mullet delle mullet sino ad oggi testate ! Voto 8 .

Single-track : la LT1 corta non è ma grazie ad un buon bilanciamento dei pesi e alla ruota da 27,5″ al posteriore gira come fosse una E-MTB più corta pur senza raggiungere i livelli della Focus Jam2 7.9 che consideriamo il vero riferimento assoluto in queste situazioni . Voto 8 .

Discesa scorrevole e fluida (veloce) : anche in questo caso le sospensioni molto controllate richiedono grande prestanza fisica per poter correre veloci ma comunque la LT1 passa sopra tutto e non si scompone mai . Voto 7 .

Discesa tecnica e stretta : con un interasse lungo e un peso non certo contenuto la Moterra gira con qualche difficoltà ma comunque si difende non male In confronto ad altre realizzazioni Enduro a corsa lunga precedentemente provate . Voto 7 .

Frenata : i freni  SRAM CODE RSC a 4 pistoncini con i dischi originali sono più che adatti alle caratteristiche della E-MTB . Con i dischi freno BCA #YoD4 che abbiamo montato la qualità della frenata è sicuramente migliorata di parecchio a discapito della durata delle pastiglie freno . Voto 7 .

Rigidità : Molto rigida considerando anche la tipologia del carro posteriore a 4 punti d’ infulcro . Voto 8 .

Dotazione : A parte le ruote di serie assolutamente non adatte a un uso gravity e all’ ammortizzatore posteriore di serie per il resto riteniamo sia un’ ottima dotazione in base al punto prezzo . Voto 8 .

Motore e componenti elettronici : il nuovo Bosch CX Flow con la sua batteria da 750Wh è sicuramente l’ unità motrice più performante sul mercato tra quelle di serie . I suoi due livelli dinamici ma soprattutto il nuovo livello AUTO ne fanno un riferimento assoluto . Con l’ assistenza su AUTO si percorre veramente tanta strada con il minimo sforzo . Voto 10 .

Finiture : di ottimo livello . Voto 8 .

Valutazione rapporto qualità/prezzo : molto buono considerando quant’ altro presente sul mercato . Voto 9 .

Note finali : la LT1 è una E-MTB tuttofare che si comporta bene in ogni dove senza però mai eccellere in nessun settore specifico dello spettro d’ utilizzo se non per le prestazioni eccezionali del motore Bosch Flow System . Come chiaramente scritto richiede , per andare veloci , una prestanza fisica da agonista mentre si lascia condurre facilmente se non si pretende di farla correre veloce . La scelta di avere un carro con una curva molto regressiva nella parte iniziale della corsa le conferisce una pedalabilità molto buona e una capacità nei rilanci da riferimento .
Voto finale 114 su 140 .

 

First ride Evil Bikes – The Epocalypse

02 Set 2022

Scritto da Gianni Biffi il 2 Settembre 2022 .

(Etimologia del nome Apocalisse – Scritto da “Ezio Freakrider Baggioli” il 1 Settembre 2022)

 

Erano ormai quasi 2 anni che avevo sentito parlare della E-MTB di Evil Bikes e più e più volte mi era stata promessa una bici in test dall’ amico Luismi . Quindi questa first ride è stata una di quelle cose più attese e desiderate della mia pur longeva vita da biker ; ricordavo con grande soddisfazione l’ utilizzo del sistema sospensivo Delta disegnato dal genio di Dave Weagle nell’ ormai lontano 2009 (acronimo di “Dave’s Extra Legitimate Travel Apparatus”) ma si sa che passando il tempo senza l’ utilizzo di un sistema sospensivo i ricordi – buoni o cattivi che siano e per il sistema Delta erano tutti buonissimi ricordi – vengono affievoliti dal tempo stesso . Quando finalmente la scorsa settimana sono arrivate in Pro-M le prime Epocalypse , questo il nome della prima E-MTB di Evil Bikes , non stavo letteralmente più nella pelle !!! Non vedevo l’ ora di assemblarne una e di poterla portare in giro sui sentieri .

Detto fatto : Martedì 23 Agosto 2022 ero sui Piani dell’ Avaro per scendere per la prima volta con la mia Epocalypse sulla Terza dell’ Avaro , sentiero a me ben conosciuto , in sella alla bimba . Devo confessarVi che la prima uscita non ha scatenato in me nessun particolare entusiasmo o altro poiché la forcella non lavorava certo come una buona forcella anche se la sospensione Delta invece mi confortava con un assorbimento e una capacità di copiare il terreno già molto buona . Rientrato a Milano provvedevamo insieme all’ amico Oscar a ripristinare i livelli di olio di lubrificazione della Fox 38 Factory della Epocalypse scoprendo che spugnette e foderi erano quasi privi di lubrificazione … Ok ad una bella donna come la Epocalypse si poteva anche perdonare : il giorno dopo eravamo di nuovo sui sentieri dell’ alta valle Brembana e finalmente iniziavo a parlare con la mia compagna !

A queste prime due uscite ne sono poi seguite altre 5 (per un totale di 232 Km) sui più disparati sentieri del Nord e anche in Svizzera e posso confermarVi che mi sono innamorato ancora una volta , come in passato , della sospensione Delta ! Posso affermare che forse avere un sistema Delta corrisponde ad avere il miglior sistema sospensivo per una E-MTB ad oggi ! Infatti la sospensione , pur bobbando leggermente nel pedalato … Ma chi se ne frega tanto ho un batteria e un motore , ha una trazione in salita che sinceramente è commovente da tanto bene sembra spingerTi su ogni ostacolo del sentiero ma , sopra ogni cosa , ha una capacità di superare gli ostacoli in discesa e di galleggiare su di essi che mi ha fatto sorridere e godere come con nessun altra mai provata !!! Scendere sullo sfaciume del sentiero che dal Passo dell’ Uomo scende al Passo del Lucomagno mi ha veramente impressionato : immaginate un torrente in secca con pietroni e pietre in ogni dove e provate a scendere in punta di piedi nei tratti più scassati per non rovinare i magnifici cerchi in composito Loopholes di Evil stessa e il sistema Delta Vi porterà magicamente fuori da ogni buca, gradino, pietrone e altro come nessun altro sistema del pianeta !!! Questo è il sistema Delta : grazie Dave !

Ma torniamo alla E-MTB stessa : full carbon, una linea bellissima, un peso di soli 21,920 chili, una colorazione e un’ eleganza a dir poco commovente, un montaggio al top con appunto i cerchi in composito Loopholes allacciati a dei mozzi Hydra di I9, unità sospensive Fox Factory Kashima, un gruppo completo XT e un magnifico reggisella Bike Yoke da 160 mm ( potete trovare tutte le specifiche al seguente link ) completano la bellissima “bimba” . Nelle geometrie spiccano le seguenti quote : angolo di sterzo regolabile tramite un semplice flip chip da 65,3° in LOW a 64,6° in EXTRA LOW , angolo sella da 77° , carro corto da 442 mm e interasse di 1231 mm .

Sui sentieri la Epocalypse è una vera goduria, oltre all’ incredibile trazione e capacità di superare gli ostacoli , la E-MTB è super rigida , super veloce e anche abbastanza maneggevole con il flip chip in posizione LOW che abbiamo usato in queste prime sette uscite . E inoltre è veramente bellissima tanto che non ho sentito nessuno ne in presenza ne sul web dire che non gli piace !!!

A questo punto , super gasato dal sistema Delta , continuerò a testare la Epocalypse switchando magari su altri prodotti con diversi sistemi sospensivi nel frattempo per meglio comprendere se si tratta di un’ infatuazione passeggera oppure se è tutto reale 🙂

Stay tuned !

 

Etimologia del nome Apocalisse – Scritto da “Ezio Freakrider Baggioli” il 1 Settembre 2022

 

Il sostantivo Apocalisse genera nel genere umano pensieri nefasti, visto che il termine ci é stato rivelato nel libro di S. Giovanni evangelista sul futuro dell’umanità che a scriverla proprio tutta, tanto tanto bene non se la passerà, ma le profezie spesso e volentieri lasciano il tempo che trovano come un temporale in bicicletta a fine giro, dura quanto basta per ritrovarsi mezzi bagnati davanti ad una birra con i compagni di giornata.

Il significato più calzante che l’etimologia ci regala é il sostantivo greco antico composto “apokàlipsis” (letteralmente non nascosto) è rivelazione, quindi non necessariamente negativo: la bici del mio test Evil Apocalypse ne è il più fiammeggiante esempio (burning Evil… starebbe in bella vista nel loft di Lucifer Morningstar al Lux).

Una RIVELAZIONE senza mezze misure, tutta maiuscola in ogni sua forma. Di indubbia bellezza e proporzione nelle forme, viene esaltata dal carro Delta che ci propone un design muscoloso ed allo stesso tempo sinuoso, pennellato da una verniciatura affascinante dal nome piccante, ipnotica quanto il demone Mazekeen.

Una RIVELAZIONE per come coniughi peso, prestazioni e ti fa partecipe di doti soprannaturali che desideri tanto quanto impugni il manubrio da 800 mm, ma sono frutto dell’equilibrio generale e della “diabolica” sospensione Delta (in matematica indica una differenza finita tra due valori e qui la scelta del nome non è così casuale), le vere ali della nostra Apocalipse.

Una RIVELAZIONE perché quando inizi a cavalcarla non vorresti più scendere, come se tu fossi nella città  d’ argento con i cori dei Serafini ogni volta che inizi una discesa.

Una RIVELAZIONE perché pur quanto molto vicina alla perfezione ha un risvolto umano come in Lucifer Morningstar e ce la fa amare all’inizio con il giusto distacco ma poi altro non possiamo fare altro che farci trasportare dalla passione e come sapete brucia…

 

First ride Cannondale Moterra NEO LT1

15 Ago 2022

Scritto da Gianni Biffi il 14 Agosto 2022 .

Doveva arrivare a Dicembre 2021 poi i soliti ritardi sulle consegne dei materiali hanno fatto slittare più e più volte la consegna effettiva ma finalmente a fine Luglio 2022 la nostra Moterra NEO LT1 in taglia Medium è arrivata in Pro-M . La nuova Moterra NEO LT1 diciamo subito che non è nemmeno lontana parente della vecchia Moterra : è completamente nuova a partire dal triangolo anteriore in carbonio , nuovo il carro a lunghezza variabile in base alla taglia , nuovo il leveraggio della sospensione posteriore con corsa alla ruota di 165 mm , nuova forcella Rock Shox ZEB Select+ da 170 mm e nuovo il motore Bosch CX Flow e la batteria da ben 750 Wh . Per quanto riguarda equipaggiamento e geometrie Vi rimandiamo al sito ufficiale Cannondale (clikkate qui) .

Le quote che più balzano all’ occhio sono l’ angolo sterzo da 64° , l’ angolo effettivo sella vicino ai 77° , il reach da 446 mm , l’ interasse da 1242 mm che insieme al posizionamente fortemente inclinato all’ indietro del motore Bosch CX4 offrono un ottimo bilanciamento generale del mezzo sulla carta e per sgombrare il campo dai dubbi Vi confermo che , anche sul campo , il lavoro fatto dagli ingegneri di Cannondale ha dato i risultati sperati . Quindi montata la Moterra non senza qualche difficoltà dovuta al cuscinetto inferiore dello sterzo mal assemblato e al dover smontare il motore per poter sfilare il cavo del faro anteriore (un ottimo Lezyne Super HB STVZO E1000 w) che farà al gioia degli Utenti del nord Europa ma che poco è accettabile sul mercato Italiano per una E-MTB votata all’ Enduro , abbiamo provveduto come d’ abitudine a sostituire sulla nostra Moterra le gomme con una Hillbilly Grid Gravity da 2.3 in mescola T7 all’ anteriore e una Eliminator con medesime caratteristiche al posteriore : una coppia di pneumatici ormai collaudata che ci permette di confrontare le biciclette in prova con le stesse “scarpe” . Ovviamente abbiamo anche provveduto alla sostituzione dei dischi freno con i “soliti” e super performanti BCA Y0d4 nelle stesse misure usate dal Costruttore .

Discorso a parte invece per le unità ammortizzanti delle sospensioni dove al posteriore abbiamo subito sostituito il Rock Shox di serie con un Ohlins TTX22 m2 da 230 x 65 mm ottenendo così una corsa effettiva di 170 mm alla ruota , mentre all’ anteriore abbiamo dovuto lavorare non poco sulla Zeb Select+ per ottenere una scorrevolezza e una progressione come piace a noi . Nella forcella consigliamo di controllare sempre se c’ è olio di scorrimento e lubrificazione degli steli sufficiente e consigliamo anche l’ uso di uno spiedino di polimeri per ottenere la progressione che desiderate .

Dopo quasi 250 chilometri percorsi nelle più svariate condizioni e tipologie di sentieri possiamo dirVi che la Moterra LT1 si pedala come poche altre E-MTB : mi ricorda molto la Yeti SB160E per la stabilità in pedalata della sospensione posteriore anche con il TTX22 tutto aperto ! Veramente uno dei riferimenti del settore che conferiscono alla stessa una capacità anche nei rilanci veramente eccezionale ! Ottima anche la trazione anche in considerazione del fatto che la Moterra LT1 è una mullet a differenza delle altre Moterra e , pur non raggiungendo la trazione di una ruota da 29″ , le caratteristiche della sospensione posteriore le conferiscono una trazione veramente tra le migliori del settore con ruota piccola al posteriore . Inoltre da sottolineare il fatto che non mi sono mai sentito appeso al manubrio come in altri prodotti con ruota posteriore da 27,5″ , segno di una corretta posizione in sella . Insomma è la meno mullet delle mullet che ho provato 🙂

Ovviamente il prezzo da pagare per avere pedalabilità e trazione di questo livello è una sospensione un pochino pigra negli assorbimenti che comunque sia grazie ai suoi 170 mm di travel alla ruota e all’ ottimo Ohlins TTX22 m2 passa comunque su tutto con estrema facilità anche se la sensazione sia di avere una sospensione dal travel più corto . Le quote geometriche della bicicletta molto bilanciate conferiscono poi alla Moterra LT1 un’ ottima stabilità sul veloce e una buona maneggevolezza anche grazie alla ruota piccola al posteriore .

Il sistema motore / batteria Bosch CX4 Flow si pone , come più volte detto , al vertice della categoria con i due livelli d’ assistenza centrali dinamici (E-Tour+ & E-MTB) e Eco e Turbo facilmente regolabili dall’ app del Vostro telefonino . Nessun altro motore di serie sul mercato ha secondo il mio modesto parere prestazioni , facilità di pedalata e autonomia come questa unità !

Il gruppo Shimano XT , i freni Sram Code RSC a condizione siano accoppiati con dischi performanti e il resto dell’ equipaggiamento della E-MTB sono allineati al prezzo di vendita molto competitivo in confronti di altre realizzazioni al top del catalogo di altri costruttori . Per finire la grafica e la verniciatura della nostra LT1 sono quanto di più divertente e ben realizzato sul mercato : andando in giro per le nostre montagne ho spesso ricevuto apprezzamenti del tipo molto bella o bellissima da chi ci ha incontrato !

Il test comunque continuerà ancora nelle prossime settimane : stay tuned !!!

 

All Around E-MTB in Valle d’ Aosta : resoconto finale .

19 Lug 2022

Scritto da Roberto Diani il 17 Luglio 2022 .

 

La AA200 non è semplicemente una gara è molto di più: durante i cinque intensi giorni della manifestazione tra organizzatori, addetti ai lavori e Bikers è si è costituita una comunità itinerante e coesa che ha favorito il superamento delle tante e variegate difficoltà che abbiamo via via incontrato.

Gli atleti, a partire da quelli che puntavano al podio, sono stati un esempio di sportività: il primo a prestare aiuto a Martino Fruet, dopo la rottura del cambio, è stato proprio Andrea Garibbo, il suo principale avversario.

Al termine della seconda tappa, persa ogni speranza di vittoria, Martino ha avuto solo per un attimo la tentazione di ritirarsi. Le ultime due tappe le ha vissute da protagonista, solo un errore di percorso lo ha privato della vittoria di giornata della terza tappa, ma si è ampiamente ripreso nell’ultima frazione.

Photo : Morgan Bodet

Dal Canto mio, non essendo ufficialmente in gara, ho avuto la possibilità di partire in scia al primo, stare in sua compagnia per qualche km, recuperare in attesa del secondo e così via fino a trovare un compagno di viaggio con lo stesso mio passo. In questo modo ho potuto valutare  sia gli atleti di punta sia godermi la compagnia del concorrente con il quale condividere le difficoltà, la sontuosità delle bellezze naturali della Valle d’Aosta e i tratti più tecnici sia in discesa sia in salita dove poter esprimere le personali abilità di guida.

Il concorrente più completo, senza ombra di dubbio, risponde al nome di Martino Fruet, forte in salita e nei falsopiani, dove è in grado di andare ben oltre l’assistenza del motore, con la sua Lapierre Overvolt GLP2 con batteria da 500 Wh; fortissimo in discesa, forse, in alcuni tratti, fin troppo irruente, è stato il vero mattatore della competizione ma, non sempre il più forte vince. Sicuramente si ripresenterà al via della prossima edizione per, facendo buon uso di questa esperienza, puntare alla vittoria che, in questa prima edizione, gli è sfuggita di mano.

Onore a Andrea Garibbo che ha vinto meritatamente per la continuità delle sue prestazioni e a Franco Edoardo che ha chiuso in seconda posizione. Sul terzo gradino del podio è salito il coriaceo olandese Rob Meeuwessen.

Nadine Sapin, moglie della mia vecchia conoscenza Francois Dola, è stata la grande rivelazione di questa competizione: in salita ha dimostrato di essere la più forte del lotto: non è riuscita a salire sul podio perché, oltremodo, penalizzata dai tratti a spinta e, sopratutto, dall’estenuante “portage” dell’ultima tappa.

Prima di iniziare questa avventura il mio obiettivo principale era di portarla a termine senza dare fondo alle mie, ormai diminuite, potenzialità atletiche, cercando di esprimermi al meglio sui terreni tecnici a me più congeniali.

Nelle prime due tappe, la poca confidenza con la mia nuova Specialized Turbo Levo Comp Carbon mi ha consigliato di limitare il livello di assistenza per non rischiare di rimanere a secco prima di tagliare il traguardo; in questo modo ho concluso le  tappe con il 38% della batteria il 1° giorno ed il 35% il 2°. Dalla terza tappa in poi ho aggiustato il tiro dando fiducia alla batteria da 700 Wh (meglio tardi che mai!), proprio in tempo per affrontare la tappa più dura, con evidenti vantaggi a livello fisico che mi hanno consentito di migliorare le mie prestazioni sia sulle salite sia sulle discese più tecniche.

Alla fine della 4 tappa ho assaporato il piacere di aver portato a termine la mia personale impresa, soffrendo il giusto dove era necessario, senza imprecare contro chicchessia anzi,  ringraziando gli organizzatori, Luca Santini in primis, per avermi dato la possibilità di vivere questa intensa avventura. Al momento non mi sono posto il problema se partecipare o meno alla prossima edizione.

Anche per la Turbo Levo è stato un test probante, superato a pieni voti, senza il ben che minimo inconveniente: oltre alle cure di routine a fine gara, ho provveduto, precauzionalmente, alla sostituzione delle pastiglie del freno posteriore, già parzialmente usurate prima della partenza.

Photo : Morgan Bodet

A livello geometrico la mia Specialized ha confermato le mie previsioni, mettendomi a disposizione un mezzo con il giusto compromesso tra l’agilità necessaria nelle salite più tortuose (ne ho dovuto superare una caterva nelle 4 tappe) e la stabilità per affrontare in pieno controllo le discese più impervie, lungo le quali mi sono divertito al di la delle mie più rosee aspettative.

Le ruote con inserto e mescola morbida (T9) mi hanno consentito di viaggiare in piena tranquillità anche sui terreni a forte rischio pizzicatura senza rinunciare a livelli di smorzamento e trazione ottimali.

La trasmissione, con rapporti apparentemente troppo corti (32×10/52) per una ruota posteriore da 27,5×2,6”, si è dimostrata azzeccata: anche quando la fatica ha preso il sopravvento sono riuscito a mantenere cadenze superiori a 75 pedalate al minuto,  condizione ideale per aumentare l’autonomia.

Durante la gara ho utilizzato, sistematicamente, la possibilità di gestire l’aumento o la diminuzione del livello di assistenza per step del 10%. In questo modo, oltre alla miglior gestione della batteria, ho trovato il modo di ottenere, manualmente, l’effetto della progressione dinamica dell’assistenza al quale ero abituato con le e-bike da me usate in precedenza, a tutto vantaggio della possibilità di superamento degli innumerevoli tratti al limite del pedalabile che ho incontrato nelle quattro giornate di gara.

La mia Turbo Levo Comp Carbon in asseto gara, con pedali, portaborraccia, borraccia, Garmin con staffa dedicata, inserti e liquido sigillante su entrambe le ruote e gomma posteriore con mescola T9 e carcassa Gravity pesa 23,130 kg.

Molto positivi anche i riscontri sulla funzionalità delle protezioni, a partire dal casco Specialized Tactic MIPS leggero, ventilato e comodo. Così come il corpetto, le ginocchiere e le gomitiere Fox Enduro D30 che mi hanno lasciato la massima libertà di movimento e sono rimasti, saldamente, nella posizione corretta per l’intera giornata.

Conclusa questa manifestazione che ha proposto agli organizzatori una serie di problematiche, mi sento di trarre alcune mie personalissime conclusioni. A partire dal Format originale di questa gara che ha spiazzato alcuni concorrenti che, probabilmente, non si aspettavano di dover superare impegnativi tratti a spinta e, addirittura i 50 m di dislivello finale di “portage”. Detto questo bisogna considerare l’orografia della Valle d’Aosta che propone scenari indimenticabili ma che pone severe condizioni per superare i valichi oltre i 2.700 m di altezza: non c’è alternativa se si vuole organizzare un giro ad anello!

Un problema che è emerso ed andrà risolto in modo più funzionale, riguarda la segnalazione di alcune deviazioni: l’utilizzo del mio Garmin 530 mi ha permesso di seguire la traccia con precisione nella maggior parte del tracciato. E’ chiaro che in un single track in discesa mi concentravo sul percorso, dimenticando di seguire le indicazioni del GPS: in queste situazioni, peraltro numerose nelle quattro tappe, le deviazioni vanno segnalate con la massima precisione, cosa che non sempre ho riscontrato e che ha creato problemi soprattutto agli atleti di punta.

Photo : Morgan Bodet

Il mio bilancio personale alla fine della manifestazione è decisamente positivo: la consapevolezza di non essere più un atleta in piena forma mi ha consigliato prudenza, ma strada facendo, ho capito che i miei limiti psico/fisici erano molto superiori alle mie aspettative. Durante le quattro impegnative tappe sono rimasto continuamente presente a me stesso, concentrato nel “Qui ed Ora”, condizione indispensabile per affrontare il susseguirsi delle innumerevoli difficoltà tenendo tutto sotto controllo e gioire degli innumerevoli tratti tecnici sia in salita sia in discesa che il percorso mi ha proposto.

Concludo con questa riflessione, che penso possa essere condivisa con gli altri partecipanti: affrontare questa impresa con slancio gioioso e portarla a termine con vitale entusiasmo, è un grande insegnamento per affrontare la vita nella sua quotidianità.

All Around E-MTB in Valle d’ Aosta : report di gara .

14 Lug 2022

Scritto da Roberto Diani il 13 Luglio 2022

 

Da Cogne a Cogne in quattro impegnative tappe caratterizzate da un originale format  di gara che ha messo a dura prova Bikers e attrezzature, regalando autostima e grande soddisfazione a tutti coloro che, superando difficoltà di diversa natura, hanno raggiunto la meta.

Il 5 Luglio, terminate le operazioni preliminari, si è svolto il prologo che ha determinato la griglia di partenza della prima tappa. Il, pur breve, percorso ha evidenziato le reali forze in campo, messe in fila da Martino Fruet.

Photo credit : Mario Pierguidi

 

La 1° tappa da Cogne al Forte di Bard è risultata la meno traumatica delle quattro: 50 km con D+1.500 m e D-2.800 m.

Dopo un singletrack ai piedi del Gran Paradiso è iniziata una lunga salita pedalabile (1000 m D+ in 14 km), dopo la quale è iniziato un’ altro singletrack via via più impegnativo che in 4,5 km ha portato al Colle Fenetre  (2.826 m). Dopo 15 km di discesa su terreni misti, a Champourcher, termina il tratto cronometrato, che ha visto Martino Fruet primeggiare in 1 ora e 33 minuti, ben 7′ 22” di vantaggio sull’olandese Meeuwessen. Poi il trasferimento su asfalto per raggiungere Bard. Dal Borgo medievale al Forte si è svolta la crono in salita che ha decretato in Andrea Garibbo il “Forte del Forte” che ha inflitto 1” di distacco a Martino.

 

Con la 2° Tappa da Gressoney La Trinitè (raggiunta con trasferimento su navetta) ad Antey Saint Andrè la gara sale di livello sia atletico sia tecnico: 60 km, 2.400 m D+ e 3.000 m D-.

Si parte su un divertente singletrack. Poi comincia la lunga salita su “gippabile” fino al Colle di Bettaforca (2.660 m). La discesa successiva presenta tratti decisamente impegnativi (è qui che Fruet rompe il cambio probabilmente per l’eccessiva irruenza con la quale ha affrontato il percorso pieno di insidie). Al km 18 si risale fino a quota 1.985 m. Dopo un sentierino tecnico si pedala in falsopiano sino al punto di sosta e ricarica della batteria presso la Tchavana di Metzan a 2.005 m.

Dopo 2 ore di sosta si riparte passando, con l’aiuto di una torcia, attraverso 14 tunnel privi di illuminazione,

L’arrivo è ancora distante e si raggiunge su terreni diversi con alternanza di salite e discese fino ad Antey.

L’incidente meccanico pregiudica definitivamente la classifica di Martino Fruet a tutto vantaggio Di Andrea Garibbo. Sempre più sorprendente la francese Nadin Sapin attualmente in 3° posizione assoluta.

Photo credit : Evi Garbolino

 

La 3° tappa è la più impegnativa, più corta della precedente ma più tecnica, da Antey a Valpelline passando dalla Valle di Saint Barthelemy: 47,6 km, 2.144 m D+ e 2.220 m D-. Ai 57 Bikers che hanno preso il via da Cogne se ne sono aggiunti altri 30 che ci faranno compagnia per le ultime due tappe.

Si sale per 23 km su terreni misti fino al punto di ricarica situato ai 2.000 m del rifugio Magià. Si riparte dopo 2 ore su una salita molto impegnativa con tratti “Walk”. Ancora salita pedalabile poi inizia il tratto più faticoso e tecnico. Superato il Colle Chaleby (2.676 m) si prende una discesa insidiosa (D-120 m). L’ultima ascesa al Colle Vessonaz (2.775 m 220m D+) è una sofferenza ampiamente ripagata dalla lunghissima ed entusiasmante discesa (1.500m D-) con i primi 300 m di dislivello molto impegnativi anche per la fatica accumulata.

Andrea Garibbo si conferma leader; un errore di percorso toglie a Fruet la parziale soddisfazione del miglior tempo di giornata.

 

Ultima Tappa da  Valpelline, Aosta, Pila con arrivo a Cogne: 39 km, 1.303 m D+ e 1.947 m D-

E’ una tappa atipica: si parte con un trasferimento alla Piazza Chanoux di Aosta con sosta e colazione. Da qui ci si trasferisce alla partenza della risalita in ovovia per Pila (1.874 m) da dove ha inizio la gara vera e propria. Dopo i 3 km dell’anello xc, allestito nel Pila Bike Park (molto tecnico) si pedala su poderale fino ai 2.251 m dell’alpeggio Plan dell’ Eyve. Da qui comincia un singletrack che si inerpica fino ai 2.806 m del Col Tsa Setze: l’inizio è tecnico ma ben presto si trasforma in una tortura con gli ultimi 80 m di dislivello impossibili, molti sono costretti al portage, gli altri arrancano. Ma, anche in questo caso la fatica è ampiamente ricompensata con una discesa godibile con ben 1.300 m D- fino a Cretaz. Ancora qualche pedalata ed ecco il meritato traguardo di Cogne.

Photo credit : Morgan Bodet

Martino Fruet è il vincitore di giornata ma è Andrea Garibbo a primeggiare in classifica generale; il podio è completato da Edoardo Franco e dall’olandese Rob Meeuwessen; quarta assoluta la francese Nadin Sapin.

Mondraker Level R 2022 – Prova completa

01 Giu 2022

Scritto da Gianni Biffi il 1 Giugno 2022 .

Non l’ avevo nemmeno mai presa in considerazione avendo già avuto una Kenevo Expert e una Focus Sam2 6.9 a disposizione come gravity E-MTB per le prove ma un’ avvicendarsi di eventi mi ha portato sulla Mondraker Level quasi per caso . Dopo aver percorso più di 400 Km con svariate migliaia di metri di dislivello siamo quindi pronti per le impressioni finali riguardo a questa E-gravity bike della casa Spagnola . Per quanto riguarda l’ equipaggiamento Vi rimando al link della Casa che troverete qui , noi per parità di equipaggiamento con altri prodotti provati in precedenza alla Level abbiamo sostituito ruote, pneumatici e dischi freno per avere sensazioni paritetiche o simili con le prove precedenti .

EccoVi ora cosa esattamente abbiamo potuto verificare circa questa E-MTB come segue .

Estetica : la Level come tutte le altre Mondraker E-MTB è molto bella e snella . Nonostante le versioni in carbonio della Crafty abbiano gli snodi del carro meglio rifiniti (la Level però non viene realizzata in carbonio) anche la Level si presenta molto ben realizzata considerando che utilizza il nuovo motore Bosch CX Flow e batteria da 750 Wh . Anche in questo caso la scelta di montare la batteria senza possibilità di essere sganciata dalla bicicletta , pur se limitante nei casi non si abbiano prese di corrente vicino alla E-MTB , ha contribuito non poco a farne forse la più bella E-MTB in circolazione con questa batteria e motorizzazione . Voto 9,5 .

Posizione di guida : “Forward geometry” è la caratteristica di tutte le Mondraker e la Level , con il suo top tube lungo, attacco corto e angolo di sterzo moderatamente aperto , non fa eccezione .  Sembra sempre di salire su una bicicletta lunga e la Level lo è con il suo interasse di ben 1270 mm !!! ma tutte le Mondraker sono così e quindi forse poco adatte ai neofiti della MTB . Come tutte le Mondraker esistono E-MTB e MTB forse più intuitive ma una volta presa la mano con le geometrie particolari tutto torna nella normalità . Voto 7,5 .

Sospensioni : la forcella Fox 38 29 Float FIT GRIP EVOL della serie Performance con cartuccia semplificata e di più semplice taratura è veramente un riferimento per questa tipologia di E-MTB . I suoi 180 mm di travel e la sua rigidità consentono anche ai meno smaliziati di condurre in sicurezza caricando l’ avantreno come vuole la geometria della Level .  La sospensione Zero® al posteriore è sempre un riferimento assoluto che ci meraviglia ogni volta che saliamo su una Mondraker e in questa versione con l’ ammortizzatore a molla Fox DHX2 Performance Elite raggiunge forse il massimo delle sue capacità di copiare ed assorbire qualsivoglia urto proveniente dal terreno . Sembra quasi di essere su un magico tappeto volante e  il brake-jack è praticamente inavvertibile !!! Anche in salita i 180 mm di escursione alla ruota conferiscono alla Level una trazione sconosciuta ad altri sistemi sospensivi . Voto 10 .

Salita scorrevole : a parte il peso importante (siamo attorno a Kg. 26,500.-) il nuovo motore Bosch CX Flow è veramente molto fluido e ciò permette velocità di ascesa molto alte . Voto 8,5 .

Salita tecnica : in questo caso i due livelli dinamici del motore Bosch CX Flow – E-Tour+ e E-MTB – permettono di salire praticamente in ogni dove concentrandosi sul supermento degli ostacoli e con una reattività alla pedalata sconosciuta ad altre motorizzazioni con erogazione semplice e non dinamica . Se a questo uniamo la trazione da riferimento assoluto nella categoria è facile comprendere che solo il peso gioca a sfavore della nostra Level . La funzione Extended Boost poi , presente nelle assistenze E-MTB e Turbo , permette di passare e di ripartire con grandissima facilità su radici, gradini e terreni particolarmente sconnessi come per tutte le realizzazioni Bosch CX . Voto 9,5 .

Single-track : la Level è molto lunga e più pesante della Crafty ma nonostante questo resta sempre una bicicletta molto veloce e precisa nei single-tracks più veloci grazie alla rigidità dell’ assieme mentre sullo stretto paga qualche cosina alla più agile Crafty . Voto 9 .

Discesa scorrevole e fluida (veloce) : incredibile !!! Passa su ogni cosa e le velocità di percorrenza sono a livelli altissimi !!! . Voto 10 .

Discesa tecnica e stretta : l’ interasse lunghissimo e il peso importante possono mettere in difficoltà ma basta aumentare leggermente le velocità di percorrenza e grazie alle sospensioni infinite che passano sopra a tutto la Level si comporta molto meglio di quanto i numeri sulla carta potrebbero far pensare . Certo non è la E-MTB più facile da girare del lotto ma alla fine non è poi il Diavolo che sembra guardando le geometrie e i freddi numeri sulla carta . Voto 7,5 .

Frenata : i freni  SRAM G2 RSC a 4 pistoncini con i dischi originali non sono certo il meglio del mercato e necessitano di parecchia manutenzione anche se in misura inferiore dei vecchi Guide . Con i dischi freno BCA #YoD4 che abbiamo montato la qualità della frenata è sicuramente migliorata di parecchio a discapito della durata delle pastiglie freno . Voto 7 .

Rigidità : veramente incredibile ! Voto 10 .

Dotazione : A parte le ruote di serie assolutamente non adatte a un uso gravity che la Level permette direi che siamo su livelli molto performanti anche in considerazione di un prezzo abbastanza contenuto . Voto 9 .

Motore e componenti elettronici : il nuovo Bosch CX Flow con la sua batteria da 750Wh è sicuramente l’ unità motrice più performante sul mercato tra quelle di serie . I suoi due livelli dinamici soprattutto e la fluidità d’ erogazione in questi due livelli ne fanno un riferimento assoluto . I piccoli problemi di gioventù riscontrati nelle prime versione del sistema Flow non si sono mai presentate su questa nostra Level … Segno che anche l’ affidabilità dei componenti , dopo un inizio stentato , è stata migliorata . Voto 9.

Finiture : buone finiture in questa versione in alluminio che è sicuramente meglio verniciata delle realizzazioni in carbonio di Mondraker . Come già detto per le Crafty ottima  protezione inferiore del motore e molto ben realizzata , tramite l’ inserimento di spugnette attorno al link basso della sospensione Zero® , la protezione dei link del sistema . Voto 9 .

Valutazione rapporto qualità/prezzo : molto buono considerando quant’ altro presente sul mercato . Voto 8,5 .

Note finali : motore con livelli dinamici (unico sul mercato attuale se si toglie la scheda Adamo) , batteria da 750 Wh , consumi molto contenuti , geometria non facilissima ma veramente prestazionale , ottime sospensioni con particolare riferimento al cinematismo posteriore e la purezza della linea ne fanno una delle mie preferite nel settore delle E-MTB gravity oriented .
Voto finale 124 su 140 .

 

 

First ride Mondraker Level R

13 Mag 2022

Scritto da Gianni Biffi il 13 Maggio 2022

Mercoledì 4 Maggio 2022 , gli amici organizzano un’ uscita sui “Sentieri dei Gatti” e quindi quale migliore occasione per riprendere in mano la Mondraker Crafty RR Carbon con il nuovo firmware aggiornato del sistema Bosch Flow ? Carico la Crafty in furgone e parto, ritrovo a Gattinara e purtroppo constatiamo che pioviggina . Si parte lo stesso e a fine giro Vi lascio immaginare quanto fango era presente sulla Crafty ! Rientro e Alberto , mio figlio , si lamenta che la bicicletta era molto sporca e che lui l’ avrebbe già venduta e quindi mi propone un lavaggio immediato – subito effettuato – e il cambio della Crafty con una delle Level R appena arrivate in Pro-M . Detto fatto e mi ritrovo su una E-MTB che non era nel planning delle prove di quest’ anno ma come ben sapete io sono curiosissimo e quindi una in più da provare non è mai un problema : dovrò solo uscire in E-MTB qualche volta in più 🙂

Preparo la Level R sistemando appoggi , cambiando ruote , gomme e dischi freno come d’ abitudine perché è per me importante avere sempre e comunque impressioni comparabili : quindi la solita Hillbilly T9 all’ anteriore e la Eliminator T7 al posteriore con dischi BCA Yod4 da 203 mm , tutto il resto è del montaggio originale (che potete trovare qui https://mondraker.com/es/es/2022-level-r  ) compresi i tanto bistrattati freni Sram G2 che però posso confermarVi ancora una volta con uno spurgo ben fatto e i dischi BCA funzionano come tanti altri ben più blasonati 😉 Ah, dimenticavo che abbiamo anche montato uno spider O-Chain che dovrebbe ridurre il pedal kick back , ma di questo parleremo in maniera più approfondita quando avremo terminato le prove di questo O-Chain . Ad oggi ho effettuato 5 uscite per un totale di circa 150 Km con più di 6000 Mt di salite e discese e quindi sono ormai pronto per scrivere queste prime impressioni della Level .

Ovviamente abbiamo percorso sentieri ben conosciuti come le Rive Rosse , il giro del tagliere , Colazza , l’ alpe Cantedoldo e il tanto divertente Bogianchini 1 al Mottarone . Per chi li conosce tutti è facilmente comprensibile la varietà dei percorsi in alcuni casi stretti , naturali e tecnici e in altri molto scorrevoli e divertenti ; quindi un’ approccio a tutto campo . Vi dico subito che la prima impressione , scendendo dalla Crafty RR Carbon , è di avere una E-MTB più lunga e pesante che gira ovviamente con meno facilità ma alla fine queste prime sensazioni sono state poi ridimensionate dai fatti . Certo la Level non è una E-MTB da guidare in punta di piedi ma bensì un “cangurone” con tantissima sospensione (180 mm) da far correre e che passa veramente su tutto : mi ricorda tantissimo la Focus Sam2 6.9 … Il vero punto di forza della Level – IMHO – è la sospensione posteriore coperta da brevetto ZERO Suspension System® che lavora come poche altre coadiuvata da un onesto ammortizzatore a molla Fox DHX2 e forse anche dallo spider O-Chain .

Quindi come detto la Level sul rotto / tecnico è veramente un prodotto da riferimento e permette velocità di percorrenza elevate anche a me che non sono certo un agonista : cosa quindi alla portata di tutti . Il peso è importante (sopra i 26 Kg.) come nel caso della Focus Sam2 6.9 , ma la Level è anche più lunga (1236 mm contro 1270 mm) e la conseguenza ovviamente è che la Level giri un filino peggio della Sam2 sullo stretto . In salita invece il sistema ZERO Suspension System® garantisce una trazione da riferimento e la spinta del nuovo Bosch 750 Flow , che può usufruire di ben due livelli d’ assistenza dinamici (E-Tour+ e E-MTB) , ne fanno un riferimento assoluto nella propria categoria di utilizzo ! Nessun problema o dubbio sulle salite e discese scorrevoli dove la buona spinta del motore e il lavoro eccellente delle due unità ammortizzanti Vi permetteranno velocità e tempi di percorrenza veramente elevati .

Posso inoltre dire che la verniciatura del telaio e carro in alluminio (non sono previste Level in carbonio nel catalogo Mondraker) sono veramente più che buone e il livello dei componenti più che adeguato al tipo di utilizzo . Un’ ultima nota di cui come detto parleremo più avanti in uno scritto dedicato : sarà merito del sistema O-Chain se le mie malandate ginocchia (dopo più di 50 anni di abusi e rotture forse hanno anche ragione 🙂 ) non mi fanno più così male quando scendo dalla Level a fine giro oppure sarà l’ infinita sospensione posteriore ? Tenteremo di appurare anche questo nel prossimo futuro : stay tuned !

 

 

Non mi piacciono le comparative , però in questi ultimi giorni …

13 Apr 2022

Scritto da Gianni Biffi il 13 Aprile 2022 .

 

Come da titolo non amo le comparative ma in questo ultimo periodo compreso tra Marzo e inizio Aprile ho avuto l’ occasione di percorrere più volte la salita diretta da Armeno alla cima del Mottarone e poi di scendere sul sentiero denominato Bogianchini 1 che sembra essere molto gradito a tutti in questi primi mesi del 2022 😉 Un doveroso grazie a Renzo Bogianchini che oltre ad averlo disegnato si occupa della manutenzione di questa zona che va appunto dalla cima del Mottarone verso il lago d’ Orta : un lavoro incredibilmente ben fatto con competenza e passione !!! Grazie 1000 Renzo !!!

Il bello è che ho percorso questi sentieri con 3 delle E-MTB che in questo periodo considero a me più gradite : non dico le migliori perché non esiste un prodotto perfetto ma sicuramente delle E-MTB che incontrano perfettamente il mio stile di guida e le mie necessità . Le tre E-MTB sono in ordine sparso la Rotwild R.X 750 (All mountain / Trail con escursione ant. 150 mm / post. 152 mm) , la Focus Jam2 7.0 (All mountain / Trail con escursione ant. 150 mm / post. 140 mm) e la Rocky Mountain Altitude PowerPlay C70 (Enduro con escursione ant. 170 mm / post. 160 mm) . Lo cosa interessante poi è che tutte e tre le E-MTB montano motori diversi (Brose Mag S per la Rotwild , Shimano Ep8 per la Focus e Dyname 4.0 per la Rocky Mountain) ma con batterie di autonomia molto simile (rispettivamente 750 Wh e 720 Wh per le altre) e quindi si ottiene un confronto completo fatto più e più volte dallo stesso rider sullo stesso percorso abbastanza lungo e divertente (circa 28 Km con 1250 MT+) ! Ovviamente per non avere grandi differenze di scorrevolezza e prestazione abbiamo montato su tutte e 3 le E-MTB gli stessi pneumatici gonfiati alla stessa pressione e con gli stessi inserti . Riguardo l’ autonomia sgombero subito il campo dicendo che in tutte le mie uscite sul tracciato sono ritornato ad Armeno , usando la batteria alla necessità e quindi senza nessun tipo di risparmio , con circa il 40 / 50 % rimanente di carica : in pratica non Vi farete mai venire l’ ansia da consumo e potrete magari fare il giro due volte 🙂

Equipaggiamento : direi che più o meno , le 3 E-MTB si equivalgono con gruppi completi Shimano XT per R.X 750 e Altitude e gruppo Sram GX AXS per la Jam2 . Freni XT e Code che con un buon disco BCA migliorano nettamente le proprie prestazioni di potenza e resistenza al calore . Ruote in alluminio WTB per la Altitude nettamente inferiori in resistenza e scorrevolezza alle DT Swiss montate sulla R.X 750 e sulla Jam2 . Anche a livello reggisella telescopico il Race Face montato sulla Altitude ha mostrato un eccesivo gioco laterale specialmente a sella completamente abbassata .

Unità ammortizzanti : riguardo all’ ammortizzatore posteriore troviamo dei Fox Float X della serie performance sulla R.X 750 e sulla Jam2 ; ambedue ottimi e ben coadiuvati dai leveraggi della sospensione anche se come detto la Jam2 è forse un pò troppo lineare . La Altitude invece usa un Float X2 Performance che come già detto svolge ottimamente la sua funzione e ha una curva di progressione molto progressiva . Riguardo le forcelle la R.X 750 monta un’ ottima forcella Fox Float 36 Performance e la Altitude una Fox Float 38 Performance altrettanto valida : devo ancora una volta sottolineare che non trovo grandissima differenza di rigidità e prestazioni tra le due Fox ai ritmi e alle velocità a cui sono abituato a guidare (non sono certo un PRO) e al limite la differenza più evidente è nel travel delle due forcelle . Discorso un filino diverso per la Rock Shox ZEB che se a livello di rigidità ha poco da invidiare alle due sorelle Fox a livello di idraulica e scorrimenti è sicuramente da sottoporre a qualche piccolo e poco costoso tuning che ovviamente abbiamo effettuato arrivando a fare della ZEB una Fox 🙂  🙂  🙂

Guidabilità : la R.X 750 è una Mullet con ruota ant. da 29″ e post. da 27,5″ , una configurazione che non ho mai digerito più di tanto ma che sicuramente gli ingegneri di Rotwild hanno gestito molto bene e devo dire che su questo percorso sia in salita che in discesa si è sempre comportata alla grande , forse la meglio bilanciata . La Jam2 con le sue ruote da 29″ e una sospensione posteriore sicuramente più lineare delle altre mi ha fatto molto divertire in discesa e in salita non ho mai avuto nessun problema di aderenza o altro : è sicuramente la più facile delle tre anche se non la più veloce . La Altitude infine , anch’ essa con ruote da 29″ , non eccelle in trazione ma è la più veloce in discesa oltre ad avere una sospensione posteriore molto progressiva che mi piace moltissimo .

Efficenza e prestazione dei motori : ho volutamente lasciato in fondo questa valutazione perché i tre motori hanno caratteristiche veramente molto diverse tra loro e quindi ognuno di loro caratterizza l’ uscita in modo molto importante e influisce quindi anche sulla prestazione in discesa perché ovviamente se arrivi in cima più stanco magari potresti avere più difficoltà anche nella conduzione in discesa . Partiamo dal Brose Mag S montato sulla R.X 750 con firmware Rotwild che ci tengo a precisare e molto diverso dal firmware montato sullo stesso motore da Specialized ! Si tratta sicuramente del motore con la maggior velocità ascensionale per il mio modo di pedalare con uno sforzo abbastanza contenuto : in pratica fa tantissima strada con sforzo apparente molto basso (miglior tempo sul tracciato è stato di 2h:04m:12s con battito medio di 103 bpm) . Il migliore a basse rotazioni non ha un allungo possente con l’ aumentare delle stesse ma non mura completamente  se si frulla di più . Lo Shimano EP8 è quello meno veloce ma forse quello che per le sue caratteristiche di spinta solo in un range di rotazioni contenuto – non spinge sotto le 30 rpm e sopra le 120 rpm – obbliga ovviamente ad usare molto di più il cambio e permette quindi un ritmo di pedalata più costante e simile a quello di una MTB tradizionale . Non è il più veloce ma affatica molto poco (miglior tempo sul tracciato è stato di 2h:15m:08s con battito medio di 105 bpm) . Arriviamo infine al Dyname 4.0 della Altitude che è sicuramente il motore più prestazionale ad alte rotazioni e quindi adatto a chi ha gamba e fiato da vendere : probabilmente il miglior motore per un agonista che io certamente non sono 🙂 Il risultato è che per una persona normale come me pur spingendo moltissimo ti porta a pedalare con una certa foga affaticandoti di conseguenza più degli altri e dimostrando un’ ottima capacità di fare velocità ma con un dispendio di energie importante (miglior tempo sul tracciato è stato di 2h:09m:48s con battito medio di 123 bpm) .

Conclusioni finali : dopo averVi annoiato con numeri e le mie impressioni mi chiederete quale sceglierei tra le tre ma ovviamente la risposta è molto personale e quasi impossibile da dare : ecco perché non amo le comparative 😉 Quindi Vi consiglio prima di tutto di valutare con attenzione che uso vorreste fare della E-MTB , poi di valutare con grande onestà intellettuale le Vostre reali capacità fisiche , di guida e di scegliere in base alle reali necessità e aspettative che avete del Vostro nuovo giocattolo . Comunque sia secondo me la Jam2 è la più facile , la Altitude la più prestazionale per uno che spinge forte e per un agonista e la Rotwild non è ancora importata in Italia … A voi , se siete riusciti ad arrivare in fondo alle mie noiose considerazioni , la scelta .

 

First ride – Rotwild R.X 750 PRO

16 Mar 2022

Scritto da Gianni Biffi il 16 Marzo 2022 .

 

Come già scritto nella prima presa di contatto della sorellina R.X 375 da Febbraio 2022 abbiamo avuto la possibilità di provare in anteprima sul mercato Italiano , dato che Rotwild non è distribuita in Italia , anche la R.X 750 PRO . La E-MTB in questione è montata in maniera più che soddisfacente per l ‘uso a cui è destinata (potete trovare i dettagli qui) che corrisponde ad un all mountain che strizza l’ occhio all’ Enduro ,  la R.X 750 aveva percorso solo una 15 di chilometri . Come per la sorellina minore il livello qualitativo e l’ ingegnerizzazione del prodotto sono sempre di alto livello e la R.X 750 risulta anche massiccia al primo impatto visivo e conferisce una sensazione di robustezza e di grande affidabilità .

L’ equipaggiamento prevede un’ ottima forcella Fox 36 Float della serie Performance con cartuccia Fit Grip 3 e corsa di 150 mm mentre al posteriore troviamo un’ ammortizzatore Fox Float X della serie Performance con 2 posizioni di idraulica in compressione e corsa alla ruota di 152 mm . L’ ammortizzatore lavora su un carro full carbon con bielle in alluminio e sistema sospensivo a 4 punti d’ infulcro . Il nostro esemplare poi era montato con due ruote DT Swiss HX 1501 con gomme Schwalbe Magic Mary 29 x 2.4 all’ anteriore e Hans Dampf Evo 27.5 x 2.60 : purtroppo per il nostro modo di condurre si tratta di una mullet bike 🙁  Il gruppo completo Shimano XT il magnifico reggisella telescopico Eightpins H01 con corsa 160 mm sono montati sulla nostra taglia Medium in prova .

Nonostante la nostra avversione per le mullet la R.X 750 ha una posizione in sella che non esito a definire la migliore mai provata su E-MTB con ruote differenziate : la sensazione di essere appesi al manubrio provata più e più volte su altre realizzazioni qui non è presente grazie probabilmente a un tubo sterzo molto basso , un attacco manubrio che rasenta la negatività e un manubrio con rise appena accennato . Questo ancora una volta conferma la grande attenzione al prodotto degli ingeneri Tedeschi e unito a un sistema di sgancio rapido della batteria e al bellissimo reggisella telescopico Eightpins fanno della R.X un prodotto esclusivo e molto ben costruito . Se avesse anche un’ estetica / grafica più piacevole …

Prima uscita in val Brembana con l’ amico Claudio Locatelli delle Guide MTB Val Brembana e un altro amico : giornata freddina e percorso con parecchia neve appena caduta sopra agli 800 metri e quindi ci avviamo tranquilli sfruttando il ben conosciuto Brose Mag S , lo stesso motore che equipaggia buona parte delle E-MTB di casa Specialized , ma con una batteria da 750 Wh e un firmware diverso da quello Specialized . Ad un primo esame la cosa che subito balza all’ occhio è che il Brose di Rotwild ha 4 livelli d’ assistenza contro i 3 livelli di Specialized e che il comando remoto a manubrio , anch’ esso di produzione Brose , è ergonomicamente poco intuitivo ne facile da usare con i guanti invernali . A dispetto di un peso non certo contenutissimo , anche se allineato alla concorrenza , che si attesta a circa 24 Kg la Rotwild risulta anche abbastanza maneggevole sui primi tornantini del sentiero che percorriamo . Comunque sin dalle prime rampe in salita , in valle non esiste la possibilità di partire in piano , spicca sin da subito la grande capacità di fare velocità ascensionale ben superiore allo stesso motore montato sulle Specialized : la R.X 750 sale veramente con poco sforzo e grande velocità sui primi tratti in asfalto ! Poi arriva la neve e nonostante l’ ottimo lavoro e rigidità del carro la ruota posteriore da 27,5″ mostra tutti i propri limiti in trazione se comparata ad una ruota da 29″ anche se , grazie al corretto assetto sopra menzionato , si comporta un poco meglio di altre mulet … Inizia poi la discesa su neve e terreno umido e , per me abituato a una Hillbilly , vengono fuori tutti i limiti della gomma anteriore .

A seguire , dopo pochi giorni , portiamo la R.X 750 sulla discesa per antonomasia per noi che è la Terza dell’ Avaro ! Ottimo lavoro delle sospensioni e , anche grazie a un telaio molto compatto , la Rotwild risulta molto ben bilanciata e maneggevole ! La confidenza che ci concede sin da queste prime uscite è veramente molto alta ! Nelle successive uscite abbiamo ancor più conferma della bontà di spinta e fluidità del motore Brose tanto che amici con Adamo montato faticano non poco a tenere la nostra ruota in salita anche se dotati di più “gamba” di noi !!!

Anche in questo caso siamo arrivati a che cosa vorremmo avere di più o che non è proprio conforme alle nostre aspettative e dobbiamo ancora un avolta riscontrare che estetica / grafica non incontrano il nostro gusto anche se alcuni Clienti in negozio hanno mostrato comunque apprezzamento per la stessa . Anche qui manca un parafanghino posteriore che eviti l’ accumulo di terra e quant’ altro sopra al motore nella parte posteriore del telaio . Forse il difetto maggiore riguarda , come già detto sopra , l’ ergonomia del comando a manubrio delle assistenze veramente piccolo e minimalista . Alla fine direi che comunque sono piccole mancanze del tutto soggettive e non rilevanti sulla qualità costruttiva e facilità di conduzione che il prodotto sicuramente dimostra !

Se siete alla ricerca di una E-MTB tuttofare , molto ben costruita , facile da guidare e con ruote mullet dovreste prendere in seria considerazione questa Rotwild sempre che qualche d’ uno decida prima o poi di importarla anche nel nostro Paese 🙂

First ride – Rotwild R.X 375 PRO

09 Mar 2022

Scritto da Gianni Biffi il 9 Marzo 2022 .

 

Poco dopo le vacanze Natalizie e di fine anno 2021 ricevo una telefonata di questo tenore : “Gianni se Ti porto due E-MTB da provare mi puoi dire secondo il Tuo parere quali sono i pregi ed eventuali difetti data la Tua onestà nel giudicare i prodotti in linea generale ?” La mia risposta ovviamente fu positiva visto che sono molto curioso , staccato dalle questioni commerciali e che mi piace moltissimo alimentare la mia passione e le mie conoscenze nel settore del ciclismo come faccio da più di 40 anni 😉 A seguito di questa telefonata durante il mese di Febbraio 2022 mi vengono recapitate in Pro-M una Rotwild R.X 375 PRO di cui a questo scritto ed una Rotwild R.X 750 PRO di cui scriverò nel prossimo futuro . Le due E-MTB , di proprietà di Rotwild stessa , sono quasi nuove con montaggi originali – che potete trovare qui e qui – e quindi in ottime condizioni . Sono i due modelli per uso Trail / All mountain con il prezzo probabilmente più centrato nella gamma della casa Tedesca e rispettano in pieno moltissime delle aspettative che chi conosce il Marchio ben si aspetta di trovare nei loro prodotti .

La R.X 375 PRO è la versione leggera delle due con un peso che si attesta a Kg. 19,490 con la batteria da 375 Wh , il motore Shimano Ep8 a potenza piena e una dotazione di tutto rispetto per una all mountain d’ alta gamma . In pratica la vera concorrente “Germanica” della Levo SL . L’ equipaggiamento prevede un’ ottima forcella Fox 36 Float della serie Performance con cartuccia Fit Grip 3 e corsa di 150 mm mentre al posteriore troviamo un’ ammortizzatore Fox Float DPS della serie Performance con 3 posizioni di idraulica in compressione e corsa alla ruota di 140 mm . L’ ammortizzatore lavora su un carro full carbon con bielle in alluminio e sistema sospensivo a 4 punti d’ infulcro . Il nostro esemplare poi era montato con due ruote DT Swiss HX 1501 con gomme Schwalbe Nobby Nic Evo 29 x 2.4 e gruppo completo Shimano XT . Una chicca finale il reggisella telescopico Eightpins H01 con corsa 180 mm sulla nostra taglia Large ( che comunque è molto piccola e non mi ha messo per nulla in difficoltà) e regolabile all’ altezza di pedalata con un semplice sgancio rapido !

Un paio di uscite in montagna e su sentieri preparati come quelli di Colazza ed eccomi a scrivere le prime impressioni . La R.X 375 si muove con grande agilità nelle sezioni gravity visto il peso contenuto e ha una rigidità generale da riferimento per un carro a 4 punti d’ infulcro ! Il reparto sospensioni è veramente all’ altezza e ancora una volta posso confermare che IMHO la 36 con il nuovo casting dei foderi è praticamente sovrapponibile nell’ uso alla 38 per un’ Utenza normale di cui io faccio sicuramente parte 😉 Difficilmente se bendassi 100 persone potrei trovare chi distingue tra le due forcelle in fatto di assorbimenti e rigidità … In compenso la 36 pesa circa 400 grammi in meno della 38 🙂 Nonostante fossi in presenza di una taglia Large (io di solito uso taglie Medium) la 375 gira con molta facilità ed inoltre è molto stabile sul veloce e piccoli salti dove è molto ben bilanciata e intuitiva anche grazie alla rigidità da riferimento ! Le gomme però non sono all’ altezza per un uso gravity soprattutto in presenza di neve o terreni umidi .

In salita il motore aiuta regolarmente anche se la trazione è penalizzata dalle gomme che sono appena sufficienti per una trail / all mountain . Comunque l’ ottima lavoro e rigidità del carro le garantiscono un’ ottima capacità di arrampicatrice sempre che non Vi molli la gomma posteriore 🙂

Il motore , di cui abbiamo già parlato a lungo in altre occasioni è molto fruibile grazie a un setting abbastanza ben centrato dai tecnici Rotwild e grazie allo sgancio rapido della batteria da 375 Wh (che ha un peso di soli Kg. 1,9) può praticamente essere alimentato da più batterie da 375 Wh facilmente trasportabili dato il basso peso e ingombro della stessa : una vera genialata !!!

Cosa non ci è piaciuto ? L’ estetica è molto “crucca” e sinceramente un buon grafico sarebbe necessario 😉 Inoltre manca un parafanghino posteriore che eviti l’ accumulo di terra e quant’ altro sopra al motore nella parte posteriore del telaio . Se fossi in loro inoltre fornirei la R.X 375 direttamente con un piccolo zainetto contenente una batteria supplementare e lo spazio per un’ eventuale seconda batteria creando così un prodotto ancor più unico e esclusivo 🙂

Comunque continueremo a lavorare su questa E-MTB in attesa di conoscere le novità della gamma 2022 / 2023 e sperando che Rotwild decida presto di distribuire anche in Italia i loro ottimi prodotti 😉

Focus Jam2 7.0 – Prova completa

01 Mar 2022

Scritto da Gianni Biffi il 1 Marzo 2022 (Chilometri percorsi 332 , periodo di prova 35 giorni).

 

Jam2 il cavallo di battaglia delle E-MTB a pedalata assistita della Focus e di cui potete leggere la nostra First ride qui . Ruote da 29″ , angolo sterzo non troppo aperto ,  corta e raccolta , costruita in maniera molto efficiente per un uso trail / all mountain a 360° e con travel delle sospensioni di 150 mm. all’ anteriore e 140 mm. al posteriore ; insomma la E-MTB che dovrebbe accontentare il 95% dell’ Utenza che si avvicina a questo mondo della pedalata assistita e che anche per Utenti esperti darà grandissima facilità di guida e soddisfazioni sul campo . Arrivo a dire che Vi sembrerà di essere un biker migliore !!! La cosa che più la contraddistingue è sicuramente la facilità di guida in ogni situazione e andare in giro per le nostre montagne diventa quasi un gioco sin troppo facile e divertentissimo . Il peso invece attorno ai 25 Kg. non la pone tra le realizzazioni più leggere ma considerando che , come per la sorella maggiore Sam2 (la matita è sempre la stessa) , appena la si muove il peso scompare come d’ incanto anche questa caratteristica gioca a suo favore tenendo la E-MTB sempre attaccata al terreno .

Estetica : Molto bella e piacevole nella sua livrea azzurra (Bluegreen Glossy) … O verde ?  Anche l’ altro colore , più sobrio e che quindi dovrebbe stancare meno l’ occhio , un bel grigio pastello che tanto va di moda oggi anche nel settore automobilistico fa la sua bella figura in gamma . Le linee , pur non del tutto esili , sono comunque ben proporzionate e piacevoli : un buon passo avanti nei confronti della versione della serie 6 . Voto 9 .

Posizione di guida : La Jam2 è molto corta una volta in sella (mi riferisco sempre alla taglia Medium che normalmente usiamo per le nostre prove) e conferisce sin da subito una confidenza di guida non sempre conosciuta ad altri . Voto 9 .

Sospensioni : Ottimo il nuovo cinematismo F.O.L.D.® di proprietà Focus . Un netto passo avanti con una linearità di funzionamento perfetta nell’ uso trail / all mountain . Il nuovo ammortizzatore Fox Float X Performance poi è la ciliegina sulla torta da tanto bene funziona ! La forcella anteriore Rock Shox ZEB Select + da 29″ e con steli da 38 mm , cartuccia Charger R e sistema DebonAir pur brillando per rigidità non è ancora all’ altezza delle concorrenti di casa Fox o Ohlins . Anche se con pochissima spesa e intervenendo sulla molla ad aria e sugli scorrimenti si possono ottenere risultati quasi impensabili ! Insomma in casa Rock Shox sono comunque sempre molto bravi a far funzionare alla fine il tutto al meglio con quel poco che hanno all’ interno delle loro forcelle 🙂 Però come detto sono necessari degli interventi di messa a punto anche se poco costosi … Voto 7 (9 con upgrade) .

Salita scorrevole : Il motore Shimano Ep8 in questo caso accoppiato ad una batteria di produzione Darfon da ben 720 Wh che permette quindi l’ uso di assistenze più alte senza remora alcuna e l’ ottimo cinematismo della sospensione posteriore ne fanno una divoratrice di chilometri di ottimo livello ! Per l’ uso trail , a cui la realizzazione di Focus è destinata , è veramente un’ ottima scelta . Voto 9 .

Salita tecnica : Come sopra : l’ ottimo sistema F.O.L.D.® al posteriore , il motore – a patto di usare assistemze importanti – e il fatto che la Jam2 sia molto compatta permettono di salire con facilità anche sui percorsi più ostici sempre che si abbia la capacità di gestire il peso non proprio tra i più contenuti . Voto 9 .

Single-track : Divertentissima , ben bilanciata e precisa , gira quasi da sola e da una sicurezza di guida inusuale sino a che le velocità non sono eccessive . Guidarla su un single track con pendenze non esagerate e tanti cambi di direzione è veramente una goduria assoluta e anche chi non è molto allenato o pratico migliorerà enormemente la sua velocità sui trail . Voto 10 .

Discesa scorrevole e fluida (veloce) : Non si può avere tutto dalla vita 😉 Essendo corta e con angolo sterzo abbastanza chiuso le discese veloci non sono proprio il suo momento migliore anche se l ‘ottimo lavoro delle sospensioni la tiene ben attaccata al terreno . Voto 7 .

Discesa tecnica e stretta : Qui è veramente eccellente . Come detto sopra sembra che giri quasi da sola anche sui passaggi più lenti e tecnici . La forcella con la sua progressione infinita permette di girare in sicurezza anche in presenza di grossi gradoni . Anche sullo smosso si muove bene e sembra poter passare su tutto . Voto 10 .

Frenata : I soliti Code RSC di Sram abbinati a dei dischi freno BCA YoD4 da 203 mm e pastiglie organiche sono più che validi e garantiscono sempre frenate potenti e modulabili . Certo con i dischi di serie e le pastiglie metalliche di Sram sono appena sufficienti . Voto 6 (9 con upgrade) .

Rigidità : Per l’ uso a cui è destinata la definirei una spada . Voto 10 .

Dotazione : Più che buona : abbiamo cambiato solo il reggisella con uno YEP Uptimazer 3.0 da 180 mm. , le gomme con le solite Hillbilly ed Eliminator , dischi e pastiglie freno e aggiunto i soliti salsicciotti . Molto valide le ruote DT Swiss HX1700 e il cambio Sram GX AXS wireless . Voto 8 (9 con upgrade) .

Motore e componenti elettronici : Lo Shimano Ep8 , come più volte detto in altre occasioni , è un ottimo motore come costruzione , peso , impermeabilizzazione e quant’ altro ma IMHO avrebbe bisogno di un aggiornamento firmware da parte degli ingegneri Giapponesi che togliesse quel fastidiosissimo muro alle rotazioni più alte e il famoso errore E010 (anche se con l’ ultima release di Gennaio 2022 sembra che l’ errore non appaia più … Presto comunque per poterne aver certezza) . Un servizio d’ assistenza in Italia più efficiente è altrettanto auspicabile . Ottime invece le percorrenze grazie alla batteria da ben 720 Wh . Voto 7 .

Finiture : Direi che spicca su tutto l’ ottima qualità della verniciatura e in ogni caso la bicicletta è assolutamente ben costruita . Voto 9 .

Valutazione rapporto qualità/prezzo : Per una E-MTB in alluminio il prezzo è sicuramente elevato anche se in presenza dell’ ottimo equipaggiamento . Essendo in ogni caso una limited edition la nostra 7.0 è gia andata sold-out sul nostro mercato e quindi bisogna considerare disponibile solo la sorella 7.9 che invece ha un prezzo ben calibrato in base al più che valido equipaggiamento di serie Voto 6 (8 se si parla della 6.9).

Note finali : Come già scritto sopra la E-MTB che probabilmente potrebbe soddisfare le esigenze del 95% o più degli Utenti ! Una batteria da 720 Wh con un motore che nella sua ultima release di software è diventato un filino meno assetato di corrente uniti ad un’ APP che permette una buona personalizzazione delle assistenze concedono alla Jam2 percorrenze abbastanza importanti anche per i meno allenati . Il flip chip sull’ ammortizzatore permette di variare di 0,5° l’ angolo sterzo rendendo la bicicletta più stabile nella posizione più aperta ma sempre mantenendo una manovrabilità da riferimento . Ci sentiamo di consigliare la Jam2 6.9 a chiunque e siamo certi che Vi darà grandi soddisfazioni di guida e percorrenza  !!!
Voto finale 116 (124 con upgrade) su 140 .

First ride – Focus Jam2 7.0 LTD 2022 : non ci credo !

04 Feb 2022

Scritto da Gianni Biffi il 4 Febbraio 2022 .

 

A circa un mese dalla presentazione arriva in Pro-M , come promessoci , la nostra Jam2 7.0 LTD con un montaggio al top della gamma (che trovate in dettaglio qui) . La Jam2 nella sua colorazione “Bluegreen” è veramente piacevole all’ occhio e ben proporzionata . Tutto sembra essere al posto giusto e quindi non ci resta che sostituire i dischi freno con dei ben più performanti BCA yOd4 da 203 mm al posto dei dischi Sram da 220 mm e le gomme Schwalbe con le solite Specialized Hillbilly Grid Gravity T9 da 2.3 e Eliminator Grid trail T7 da 2.3 data la destinazione Trail della bicicletta . Inoltre essendoci lo spazio necessario nel tubo piantone per ospitare un reggisella con corsa più lunga optiamo per un magnifico Yep Components Uptimizer 3.0 da 180 mm . Infine spostiamo subito il flip chip dell’ ammortizzatore sulla posizione più aperta con angolo sterzo a 65° .

Siamo quindi pronti per la prima uscita su un sentiero in classico stile Bergamasco e quindi abbastanza rotto e pieno di gradoni . Eravamo un pochino spaventati dal fatto che scendevamo da una delle E-MTB più facili da condurre mai avute e quindi pensavamo che la Focus potesse sembrarci ben più impegnativa e difficile da condurre anche memori dei ricordi del modello precedente che era sicuramente meno performante nella parte gravity di questa nuova 7.0 . Appena finita la salita dove grazie alle ruote da 29″ e all’ ottimo lavoro del nuovo sistema F.O.L.D.®la trazione è sempre di ottimo livello ci rendiamo conto che i timori di essere messi in difficoltà da questa Jam2 spariscono sin dai primi metri ! La Jam2 è ottimamente bilanciata e sembra molto piccola e maneggevole mettendoci subito a nostro agio come se l’ avessimo già guidata prima : da non credere !

La prima uscita ci serve inoltre per perfezionare il settaggio delle due unità ammortizzanti : una forcella Rock Shox ZEB 29 Select+ , con rake da 44 mm e 150 mm di corsa e un ammortizzatore Fox Float X Performance 2022 , che ben conosciamo , anch’ esso con 150 mm di corsa alla ruota . Infatti con l’ ammortizzatore ci troviamo subito bene mentre per la forcella ci rendiamo conto che ci sarà da lavorare un pochino sulle tarature per renderla più burrosa e progressiva come piace a noi . Per finire in questa prima uscita stalloniamo la gomma anteriore per ben due volte e solo l’uso dei salsicciotti ci permette di arrivare in fondo al trail interi e sani ! Bisognerà capire cosa è successo e ancora oggi stiamo eliminando le variabili che possono causare questo stallonamento / sgonfiaggio della Hillbilly … Dopo aver eliminato tutte le possibili variabili siamo ora arrivati alla conclusione che probabilmente il canale del cerchio abbia qualche difetto e controlleremo di conseguenza .

A questa prima uscita sono poi seguite altre uscite sui “nostri” trail del lago Maggiore dove la Jam2 ha sempre confermato grande facilità e tantissimo divertimento nella guida : una E-MTB che consiglierei veramente a chiunque oggi !!! Molto facile con sospensioni che lavorano già bene , anche se non ancora tarate alla perfezione , e una stabilità molto buona ne fanno veramente una E-MTB con cui fare un pochino di tutto per ogni tipologia di Rider .

Ma torniamo alla Jam2 : è veramente incredibile la maneggevolezza e la stabilità sul rotto del mezzo ! Ricorda molto la magnifica Sam2 – e infatti sembra che la matita che ha disegnato questa nuova trail di casa Facus sia la stessa – anche se con le dovute proporzioni vista la corsa delle sospensioni e il peso molto minori . Gira veramente con grandissima facilità e inoltre è sempre ben attaccata al terreno !!! Direi proprio che o sono diventato più bravo io oppure gli ingegneri delle varie Aziende oggi riescono a sfornare sempre prodotti migliori, più facili e più divertenti …

Il motore è il solito Shimano EP8 con firmware 4.1.8 che dovrebbe aver azzerato il fastidioso errore E010 presente sino a pochi mesi fa : speriamo vivamente sia così e ci auguriamo di non vedere più tale errore ! La batteria è una batteria di casa Pon da 720Wh che permette percorrenze molto alte nel profilo 2 (quello settato basso) tanto da poter percorrere circa 2000 Mt+ con circa 60 Km usandolo con assistenze alla necessità . Il motore è sicuramente meno rumoroso dei precedenti provati su E-Bike in carbonio forse questo è dovuto anche alla diversa risonanza dell’ alluminio con cui è costruito il telaio della Jam2 . L’ EP8 rimane molto piccolo e leggero oltre ad avere un’ impermeabilizzazione superiore a molti concorrenti e con un display che IMHO ad oggi è ancora il riferimento assoluto del mercato . Certo l’ erogazione non è delle più naturali e tende a “murare” oltre le 115/120 rotazioni … Forse un aggiornamento del firmware con magari livelli dinamici e che permetta l’ utilizzo di cadenze più alte sarebbe proprio auspicabile nel breve periodo : speriamo che qualche d’ uno in Shimano ci legga 😉

La nostra prova comunque continua e presto potrete leggere un prova completa appena sistemeremo definitivamente la ruota anteriore e le sospensioni : stay tuned !!!

 

Rocky Mountain Altitude C70 PowerPlay – Prova completa

31 Gen 2022

Scritto da Gianni Biffi il 31 Gennaio 2022 .

Rocky Mountain Altitude C70 PowerPlay , l’ enduro elettrica secondo la Factory Canadese . Un progetto particolare che ha come punto di forza , e forse anche di qualche piccola debolezza , il sistema di movimento centrale classico sganciato dal motore che obbliga quindi ad un giro catena con un sensore di spinta elettro-meccanico che sente la tensione della catena . Avevamo già effettuato una prima presa di contatto che Vi consigliamo di leggere qui e che ci aveva parecchio impressionato per la facilità con cui si conduceva questa nuovissima PowerPlay tanto da definirla “ludricous” (ridicola nel senso buono) data appunto la giocosità e l’ estrema sicurezza e facilità con cui si potevano raggiungere prestazioni molto elevate con questa E-MTB . Dopo averne ricevuto un esemplare in versione definitiva abbiamo quindi affrontato la prova completa con grande entusiasmo e ci siamo recati su una varietà di percorsi ben conosciuti e anche nuovi che ci hanno portato alle seguenti conclusioni .

Estetica : la Altitude è abbastanza aggraziata e piace a molti pur senza raggiungere linee così filanti come altre realizzazioni della concorrenza . Infatti il motore , anche se più piccolo e posizionato in maniera più verticale in confronto al vecchio modello è ancora ben visibile e le conferisce un senso d’ ingombro evidenziato anche dai carter di colore nero . Forse una verniciatura nel colore della E-MTB ridurrebbero questo impatto ottico … Voto 8 .

Posizione di guida : scendendo da una E-MTB molto lunga di reach questa Altitude mi è sembrata inizialmente corta ma dopo pochi chilometri ho potuto apprezzare la posizione in sella molto naturale . Se la PowerPlay si guida così facilmente forse è dovuto anche da un posizione in sella ben centrata e corretta . Voto 9 .

Sospensioni : la forcella Fox 38 Float EVOL GRIP Performance Series da 170mm con 44mm di offset è perfettamente accordata con l’ ammortizzatore posteriore Fox Float X2 sempre della serie Performance . Come più volte detto trovo queste unità ammortizzanti della serie Performance più semplici da settare e più burrose delle unità della serie Factory Kashima di casa Fox : anche in questo caso la semplicità di settaggio aiuta a condurre da subito con grande sicurezza e serenità . Voto 9 .

Salita scorrevole : la pedalabilità è più che buona e sullo scorrevole , soprattutto se in posizione chiusa del Ride 4 e con carro in posizione corta è anche molto redditizia . Peccato che nei cambi di pendenza il motore non abbia assistenze dinamiche e anche se risulta molto potente obbliga ad uno sforzo sui pedali più pronunciato . Voto 8 .

Salita tecnica : in questo caso con flip chip del carro in posizione corta la trazione non mi è sembrata eccezionale ma si può migliorare facilmente portando il flip chip in posizione lunga . Anche in questo caso la mancanza di dinamicità dei livelli d’ assistenza si fa sentire in modo negativo . Voto 7 .

Single-track : fantastica e “ludricous” : ridicolmente facile !!! Veramente difficile trovare di meglio considerando maneggievolezza, lavoro delle sospensioni , velocità con cui si impostano i cambi di direzione e la naturalezza della guida . Voto 10 .

Discesa scorrevole e fluida (veloce) : forse non la più veloce in assoluto ma comunque molto valida grazie soprattutto al lavoro accordato e sincero delle due sospensioni . Voto 8 .

Discesa tecnica e stretta : il peso abbastanza contenuto (Kg. 23,680 senza pedali) , considerando la batteria da 720 Wh , unita ad una geometria bilanciatissima le conferiscono ottima maneggevolezza e i nospress vengono abbastanza naturali per chi è in grado di effettuarli . Inoltre un brake jack molto pronunciato con la ruota posteriore bloccata aiuta gli inserimenti nelle situazioni più scabrose . Voto 8 .

Frenata : i freni Shimano XT a 4 pistoni con dischi freno BCA #YoD4 hanno una potenza frenate più che sufficiente e sempre ben costante . Purtroppo come detto il brake jack è ben avvertibile anche se solo nelle frenate più potenti . Voto 7 .

Rigidità : più che buona in considerazione del sistema a 4 punti d’ infulcro del carro . Voto 8 .

Dotazione : abbiamo sostituito solo dischi freno e gomme come d’ abitudine . Il reggisella RaceFace ha un gioco laterale forse eccessivo e speriamo sia particolarmente presente solo sull’ esemplare montato sulla nostra Altitude . Voto 7 .

Motore e componenti elettronici : il nuovo motore Dyname 4.0 con la sua batteria da 720 Wh , una coppia dichiarata di ben 108 Nm e un picco di potenza superiore ai 700 W è molto diverso e molto più prestante della vecchia unità della Casa Canadese . Insomma un salto di qualità evidentissimo che conferisce ottima potenza al nuovo motore e una pedalata sempre naturale e fluida . Il sensore di spinta elettro-meccanico che rende il tutto esclusivo e particolare è molto apprezzabile per l’ immediatezza con cui ci permetterà di ripartire anche sulle salite più impegnative (non esiste in pratica il quarto di giro a vuoto sui pedali classici di altre unità) ma ha però il difetto di perdere lo zero della calibrazione con molta facilità soprattutto quando si usano livelli d’ assistenza molto alti . Devo peraltro dire che dopo aver percorso circa 450 Km e aver ripulito per bene tutto il sistema di pulegge e tendicatena questa tendenza a perdere lo zero è molto diminuita ; forse dopo un buon rodaggio e dopo essersi abituati al sistema si percepisce molto meno il classico attacca e stacca del motore che all’ inizio ci dava molto fastidio soprattutto su asfalto . Un’ altra particolarità del nuovo motore è quella di sembrare con spinta molto vigorosa e costante anche nei livelli più bassi d’ assistenza tanto che più di una volta mi sono ritrovato a pensare di essere in ludricous (il Turbo di casa PowerPlay) di fronte a cambi di pendenza importanti e la gamba mi ha invece ricordato che ero semplicemente in Trail 🙂 Ottimo il nuovo comando delle assistenze al manubrio accoppiato al nuovissimo schermo Jumbotron ben inserito nel trave superiore del telaio . Tutte le operazioni di settaggio e altro vengono effettuate dal comando a manubrio con grande immediatezza e facilità ! Voto 8 .

Finiture : purtroppo in questo ambito devo segnalare una verniciatura non certo all’ altezza dato che sono presenti ben 3 diverse tonalità di verde in considerazione del materiale con cui viene realizzato il triangolo anteriore in carbonio , il carro posteriore in alluminio e il coperchio motore in plastica . Ora è chiaro che il fondo o il trasparente possono portare a queste variazioni di tonalità del colore ma vista la tipologia di prodotto d’ alta gamma ritengo che ciò , pur non influendo minimamente sull’ utilizzo della Altitude , dovrebbe essere meglio realizzato . Voto 6 .

Valutazione rapporto qualità/prezzo : allineato all’ attuale mercato delle E-MTB in carbonio e considerando lo sforzo di ricerca e i piccoli numeri di Rocky Mountain direi più che plausibile . Voto 8 .

Note finali : sicuramente una delle E-MTB più facili e divertenti da guidare oggi presenti sul mercato ! La batteria da 720 Wh e un motore che , al contrario della vecchia unità , ha consumi contenuti ne fanno una delle E-MTB più “goduriose” io abbia testato ultimamente . Adatta un pò a tutti i Bikers anche se ritengo che gli agonisti magari potrebbero preferire altro ma ricordateVi sempre che il non fare fatica nella conduzione aiuta anche alla fine ad andare più veloci nell’ arco della competizione … Per finire Vi confermo di aver provato un pò tutti i settaggi del sistema Ride 4 – quattro appunto con angolo di stezo che varia da 63,5° sino a 64,3° – e il carro in posizione corta o lunga in ognuna delle quattro posizioni e alla fine il mio setting preferito è quello chiuso (angolo da 64,3°) con carro lungo che conferisce alla Altitude grande maneggevolezza e miglior trazione in salita 🙂
Voto finale 111 su 140 .

Mondraker Crafty RR Carbon 2022 – Prova completa

10 Gen 2022

Scritto da Gianni Biffi il 10 Gennaio 2022 .

La bicicletta di cui alla nostra prova è in produzione da circa 2 anni e , nonostante gli ovvi aggiornamenti della versione oggetto di questa prova , ritengo utile farVi presente che abbiamo parlato di questo progetto Crafty qui (test Mondraker Crafty R) , qui (first ride Mondraker Crafty Carbon RR) , qui (first ride Mondraker Crafty RR ALU 2022) ed infine qui (first ride Mondraker Crafty Carbon RR 2022) .

Fatta questa precisazione per completezza dello scritto eccoVi cosa esattamente ho potuto verificare circa questa E-MTB come segue .

Estetica : l’ ho già scritto più volte e mi devo ripetere ancora una volta : molto ma molto bella ! Questa versione inoltre gode di una snellezza sconosciuta ad altre realizzazioni con il nuovo motore Bosch CX Flow e batteria da 750 Wh . La scelta di montare la batteria senza possibilità di essere sganciata dalla bicicletta , anche se limitante nei casi non sia abbiano prese di corrente vicino alla E-MTB , ha contribuito non poco a farne forse la più bella E-MTB in circolazione con questa batteria e motorizzazione . Voto 10 .

Posizione di guida : la “Forward geometry” con il suo top tube lungo, attacco corto e angolo di sterzo aperto , che tanto ha fatto scuola ormai nel mondo MTB , è presente anche in questa Crafty e di primo impatto da la sensazione di avere una taglia in più del necessario ma è solo un’ impressione che svanisce in brevissimo tempo appena ci si muove qualche volta sulla Crafty . Tutto è al punto giusto e ci si ritrova in breve tempo a condurre la Crafty con discreta facilità di guida se paragonata alle realizzazioni Mondraker di soli 5 o 6 anni fa . Voto 8 .

Sospensioni : la forcella Fox 38 29 Float GRIP2 Factory Kashima lavora come sempre molto bene anche se per le mie necessità risulta meno burrosa della sorella minore della serie Performance con cartuccia semplificata e di più semplice taratura . I suoi 160 mm di travel e la sua rigidità consentono anche ai meno smaliziati di condurre in sicurezza caricando l’ avantreno come vuole la geometria della Crafty .  La sospensione Zero® al posteriore è sempre un riferimento che ci meraviglia ogni volta che l’ usiamo e in questa versione l’ aver adottato il nuovo ammortizzatore Fox Float-X LV Factory Kashima ha ancora migliorato la sensazione di grande capacità d’ assorbire qualsivoglia cosa passi sotto le ruote della Crafty . Quasi inavvertibile poi il brake-jack (inibizione del carro in frenata) tanto per me fastidioso su altre realizzazioni che sto testando in questo momento . Voto 9 .

Salita scorrevole : ottima pedalabilità in ogni situazione facilitata dalla spinta del nuovo motore Bosch CX Flow che è diventato veramente molto fluido e che permette velocità di ascesa molto alte . Voto 9 .

Salita tecnica : anche il questo caso i due livelli dinamici del motore Bosch CX Flow – E-Tour+ e EMTB – permettono di salire praticamente in ogni dove concentrandosi sul supermento degli ostacoli e con una reattività alla pedalata sconosciuta ad altre motorizzazioni con erogazione semplice e non dinamica . Voto 9 .

Single-track : sicuramente il suo terreno di riferimento dove la rigidità dell’ assieme le conferiscono una precisione di guida e quindi un divertimento di guida veramente incredibili . Voto 10 .

Discesa scorrevole e fluida (veloce) : più la si fa correre e più si trova a suo agio : veramente una delle migliori E-MTB da Enduro io abbia mai guidato anche se devo dire che ho subito sostituito le ruote originali Mavic E-Deemax 29 che non ritengo sinceramente all’ altezza del prodotto con delle ben più rigide e performanti Enve M7 in carbonio che non poco hanno contribuito alle prestazioni sul veloce . Voto 10 .

Discesa tecnica e stretta : forse il suo tallone d’ Achille poiché tanta rigidità dell’ assieme unita ad un interasse importante non facilitano certo la guida in punta di piedi . Diventa ovviamente tutto molto più facile se si riesce a far correre di più la bicicletta ma per fare ciò necessiterebbero delle capacità di guida molto migliori delle mie 🙂 Voto 7 .

Frenata : i freni  SRAM G2 RSC a 4 pistoncini con i dischi originali non sono certo il massimo presente sul mercato pur rivelandosi degli impianti onesti ma che necessitano di molta manutenzione . Abbiamo quindi montati dei dischi freno BCA #YoD4 migliorando notevolmente la qualità della frenata senza per questo annullare la necessità di manutenzione molto frequente dell’ impianto . Voto 6 .

Rigidità : ai massimi livelli anche grazie alle ruote Enve come già detto sopra : una vera spada ! Voto 10 .

Dotazione : buona in considerazione del prezzo del prodotto comunque allineato al mercato . Le note dolenti sono i freni e le ruote come già detto . Voto 8 .

Motore e componenti elettronici : il nuovo Bosch CX Flow con la sua batteria da 750Wh è sicuramente una delle unità motrici più performanti sul mercato attuale grazie ai sui due livelli dinamici soprattutto e alla fluidità generale nell’ erogazione . La nostra esperienza sui componenti esterni del motore quali il nuovo comando LED control e il display Kiox 300 non è delle migliori dato che il Kiox si è spento definitivamente dopo poco più di 200 Km e il LED control invece ci ha dato spesso problemi di spegnimenti improvvisi del motore . Questo sarebbe poca cosa considerando la giovinezza del nuovo sistema Flow se in presenza di un’ assistenza accettabile ma purtroppo dobbiamo dire che l’ assistenza Bosch al momento risulta parecchio complessa e faraginosa … Il sistema di telemetria MIND di Mondraker invece funziona abbastanza bene – a patto di averne bisogno veramente – ma soffre di un errore di calcolo nei grafici finali di controllo che dopo più di due mesi non siamo ancora stati in grado di far comprendere a Mondraker stessa nonostante l’ impegno profuso da DSB per far correggere l’ errore . Ora se volete far percepire questa telemetria come un valore aggiunto del prodotto penso sia umano e lecito chiedere assistenza e risoluzione dei problemi da parte di chi ha scritto l’ algoritmo di calcolo . Voto 7 . (Il voto sarà sicuramente migliorato quando Bosch in primis e Mondraker avranno la possibilità in concreto di migliorare il prodotto , pur se nuovissimo , con gli opportuni interventi sul servizio assistenza al prodotto stesso)

Finiture : ottime finiture in questa versione carbon che nasconde alcune delle viti del leveraggio carro e con uno sportellino che nasconde la presa di ricarica ben posizionata in alto a sinistra appena dietro al tubo sterzo . Buona protezione inferiore del motore e inserimento di spugnette attorno al link basso della sospensione Zero® indispensabili per non far fermare terra e detriti al di sotto del link stesso . Voto 9 .

Valutazione rapporto qualità/prezzo : pur se elevato lo ritengo allineato all’ attuale mercato delle E-MTB di alta gamma . Voto 7 .

Note finali : una delle E-MTB che probabilmente utilizzerò nel corso della prossima stagione grazie ad una ciclistica stratosferica , un motore secondo solo allo Specialized 2.1 / 2.2 con scheda di gestione Adamo e per finire ad una bellezza e purezza di linee che poche altre E-MTB con batteria da 750Wh possono vantare .
Voto finale 119 su 140 .

 

 

 

Classifica motori per E-MTB 2021

10 Gen 2022

Scritto da Gianni Biffi il 03 Gennaio 2022 .

EccoVi la mia – PERSONALISSIMA – classifica motori 2021 E-MTB (si considerano solo i motori pieni e non quelli del tipo SL) aggiornata a oggi 03/01/2022 visti i continui e migliorativi aggiornamenti firmware e altro
.
Come tutti ben sappiamo tutte le E-Bikes (NESSUNA ESCLUSA) hanno problemi di gioventù del prodotto e/o di maggior complessità del prodotto, quindi il gioco si risolve – IMHO – con servizi d’ assistenza sempre più efficienti e con l’ implementazione dei livelli dinamici nella gestione dei motori .
Con l’ attuale classifica si conferma il motore Specialized 2.1 / 2.2 grazie soprattutto alla scheda Adamo e c’ è un grande balzo avanti del Rocky Mountain Dyname 4.0 e del Bosch CX Flow 2022
Crollo dello Shimano EP8 a causa di un firmware ormai vecchio e un’ assistenza al limite dell’ accettabilità (è crollato il servizio anche per noi Premium Services e l’ errore E010 non è ancora stato risolto dopo più di 4 anni) .
Questa mancata assistenza è condivisibile anche dal servizio Bosch che usufruendo di un call center centralizzato in Spagna per trapani, lavatrici, E-bikes e quant’ altro rende questo servizio inutile ed inaccettabile per noi Dealers …
.
A. Riguardo alle prestazioni percepite (potenza, coppia e spinta) :
1. Specialized 2.1 – 2.2 by Brose con scheda gestione firmware Adamo
2. Bosch CX Flow 2022
3. Rocky Mountain Dyname 4.0
4. Bosch CX Gen4
5. Specialized 2.1 by Brose con firmware originale
6. Shimano EP8
7. Yamaha PW-X2
8. Rocky Mountain 1.3
.
B. Riguardo a naturalezza della spinta :
1. Specialized 2.1 – 2.2 by Brose con scheda gestione firmware Adamo
2. Specialized 2.1 by Brose con firmware originale
3. Bosch CX Flow 2022
4. Rocky Mountain Dyname 4.0
5. Bosch CX Gen4
6. Rocky Mountain 1.3
7. Shimano EP8
8. Yamaha PW-X2
.
C. Riguardo a dinamicità dei livelli d’ assistenza (spinta dinamica) :
1. Specialized 2.1 – 2.2 by Brose con scheda gestione firmware Adamo
2. Bosch CX Flow 2022
3. Bosch CX Gen4
4. Rocky Mountain Dyname 4.0 (non ha livelli dinamici)
4. Specialized 2.1 by Brose con firmware originale (non ha livelli dinamici)
4. Shimano EP8 (non ha livelli dinamici)
4. Yamaha PW-X2 (non ha livelli dinamici)
4. Rocky Mountain 1.3 (non ha livelli dinamici)
.
D. Riguardo a rendimento in salita a basse rotazioni e con poco sforzo :
1. Specialized 2.1 – 2.2 by Brose con scheda gestione firmware Adamo
2. Bosch CX Flow 2022
3. Rocky Mountain Dyname 4.0
4. Specialized 2.1 by Brose con firmware originale
5. Bosch CX Gen4
6. Rocky Mountain 1.3
7. Shimano EP8
8. Yamaha PW-X2
.
E. Riguardo ad affidabilità del sistema :
1. Bosch CX Gen4
2. Yamaha PW-X2
3. Rocky Mountain Dyname 4.0
4. Rocky Mountain 1.3
5. Specialized 2.1 by Brose in ogni configurazione
6. Shimano EP8
7. Bosch CX Flow 2022
.
F. Riguardo alla qualità e all’ efficienza del servizio assistenza in base alle risultanze della nostra officina :
1. Specialized 2.1 by Brose con firmware originale
2. Specialized 2.1 by Brose con scheda gestione firmware Adamo
3. Rocky Mountain 1.3 & Dyname 4.0
5. Yamaha PW-X2
6. Shimano EP8
7. Bosch CX in ogni configurazione
.
G. Riguardo a consumi con parità di gamba e prestazione :
1. Bosch CX Flow 2022
2. Specialized 2.1 by Brose con scheda gestione firmware Adamo
3. Rocky Mountain Dyname 4.0
4. Bosch CX Gen4
5. Specialized 2.1 by Brose con firmware originale
6. Rocky Mountain 1.3
7. Yamaha PW-X2
8. Shimano EP8
.
Classifica finale tenendo conto dei vari punteggi :
1. Specialized 2.1 by Brose con scheda gestione firmware Adamo (50 punti)
2. Rocky Mountain Dyname 4.0 (40 punti)
3. Bosch CX Flow 2022 (38 punti)
4. Specialized 2.1 by Brose con firmware originale (37 punti)
5. Bosch CX Gen 4 (34 punti)
6. Rocky Mountain 1.3 (26 punti)
7. Yamaha PW-X2 (22 punti)
8. Shimano EP8 (19 punti)
.
Considerazioni finali : se togliessimo i grandissimi problemi d’ assistenza delle grandi case come Bosch e Shimano la classifica sarebbe parecchio diversa così come se dovessimo non considerare la dinamicità delle assistenze che io personalmente ritengo – grazie a reali prove sul campo – la vera novità in positivo degli ultimi firmware di gestione motori (in pratica un cambio automatico delle modalità d’ assistenza calcolato da un algoritmo in base a potenza applicata dal biker, frequenza di rotazione, rapporto del cambio, velocità e pendenza) .
.
Meditate gente, meditate 😉