E-Enduro – 1° prova 2018 Alassio (SV) – Impressioni del Lunedì

19 Mar 2018

Bene, la stagione 2018 è iniziata con la 1° prova di Alassio (SV) .

L’ E-Team ha portato a casa ben 3 podi di categoria e i ragazzi sono stati semplicemente “eccezionali” a finire tutti la gara sotto un vero e proprio diluvio ! Grazie 1000 a tutti Voi per la passione e la voglia di fare che mi avete dimostrato !!!

Come sempre ho imparato molto e sofferto tantissimo ! Stare sotto una tenda in attesa dei risultati e di vedere arrivare i miei 5 ragazzi è stata una vera e propria sofferenza . Ho commesso svariati errori tra cui il più grosso è stato quello di non prevedere che qualche gomma “full wet” magari ci sarebbe potuta servire viste le previsioni meteo … ma ormai è acqua passata e spero mi servirà da lezione per il futuro anche se mi auguro che non servano mai più gomme da fango 🙂

Non aggiungo altro se non ringraziare ancora una volta Alberto, Ema, Fabio, Gianluca e Giovanna in stretto ordine alfabetico !

Alla prossima, ci vediamo a Pietra Ligure .

Il Team quasi al completo .

Il Team quasi al completo .

E-Bike : solo quando non ce la farò più …

21 Ago 2017

Oggi giornata di riposo dopo la fatica fatta ieri a salire al M.te Legnoncino con una E-Mtb. Si, avete letto bene: ho scritto “la fatica” perché anche se ancora oggi molti credono che andare in E-Bike o peggio E-Mtb sia come andare con un motorino… si fa fatica !!! E anche parecchia se si vuole 🙂

Ma veniamo ad oggi: questa mattina leggendo una rivista di ciclismo su strada ho letto una presentazione del progetto Focus Project Y – che altro non è che una E-bike per uso escursionistico, gravel o corsa con un motore elettrico ed una batteria armonicamente inserite in un telaio da bici da strada dal peso totale di circa 12 Kg – il cui titolo recitava “Il futuro della bici da corsa? Speriamo di no” . L’ articolo era firmato, come gli altri, dalla redazione tecnica della rivista e non dal’ autore ma visto che si tratta di opinioni personali e non di presentazione prodotti o prove prodotti mi ha lasciato alquanto perplesso… ma tant’è : forse il giornalista non era certo di quello che scriveva oppure sono io che – pur facendo il bottegaio – non ho mai paura di firmare le mie opinioni ed il mio pensiero anche a costo d darmi la zappa sui piedi 🙂 Un amico poi, sempre questa mattina, mi segnala un articolo della ben più autorevole rivista Americana Road Bike Action che prova e in qualche modo accetta, presentandone i pregi ed i difetti, una E-Bike di tipo bici da corsa. Chi dei due giornalisti ha ragione ? Forse nessuno o tutti e due ma proprio perché mi piace credere che nulla avvenga per caso ho concatenato questi due articoli con una piccola discussione udita oggi davanti ad un bar tra una giovane biker ed un signore più attempiato seduto appunto fuori dal bar. I due discutevano di E-Bike e la giovane signora diceva appunto in stretto dialetto Valsassinese “sulament quand ghe la farò pu” e quindi traduco per i non Lombardi in “solo quando non ce la farò più” . Ho ascoltato i due per alcuni minuti e compreso tutte le solite argomentazioni di chi ama fare fatica in bicicletta o in altri sport e che spesso – come la signora in questione ammetteva – non ha mai provato a fondo una E-Bike ma ovviamente mi sono astenuto, per educazione e per mancanza di proprietà di linguaggio, dall’ intervenire 🙂

Ora la mia riflessione sull’ argomento, anche conscio della fatica fatta solo ieri con una E-Mtb, è: ma chi mai ha detto che in E-Bike non si fa fatica !!! Per esperienza personale ricordo sempre una gita famosa che ai vecchi tempi (vado in MTB da più di 36 anni) era considerata un pochino il punto d’ arrivo della stagione e quindi da fare solo se ben allenati e al massimo una o due volte l’ anno : la dorsale del triangolo Lariano e cioè il sentiero #1 da Como a Bellagio. Si tratta di una gita di circa 75 Km con circa 2000 Mt+ di rara bellezza paesaggistica e abbastanza divertente eccezione fatta per gli ultimi 30 Km in asfalto del rientro da Bellagio a Como. Ora come detto negli anni in cui ero abbastanza allenato – anche se non sono mai stato un fenomeno – era fattibile al massimo 1 o 2 volte a stagione e gli ultimi 30 Km d’ asfalto erano un vero calvario per chiunque ! Bene questa stagione ho già percorso questo tragitto almeno 5 o 6 volte con una E-Mtb e, arrivando a Bellagio quasi sempre con più del 50% di batteria rimanente, i 30 Km d’ asfalto sono diventati persino divertenti da percorrere a tutta ! Quindi pur facendo una discreta fatica – chi l’ha fatto con me quest’ anno mi è testimone – questa gita sarà probabilmente ripercorsa ancora prima della fine della stagione con fatica, divertimento e soddisfazione.

Insomma è meglio fare 75 Km in Mtb oppure farne in E-Mtb circa 450 Km con maggior fatica diluita nel tempo divertendosi e godendo di bellissimi luoghi e paesaggi con gli amici o peggio rimanere seduti su un divano a guardare la televisione ? Secondo me siamo di fronte alla nascita di un nuovo sport : l’ E-Mtb o E-Bike che dir si voglia nel prossimo futuro, con buona pace del giornalista che, inneggiando alla fatica come la intende Lui, sentenziava “speriamo di no” 🙂

Bene, detto tutto quanto sopra non venitemi adesso a dire che devo difendere il mio orticello – come sono certo molti di quelli che dicono “solo quando non ce la farò più” hanno già pensato più volte 🙂 – perché ad oggi le vendite di Pro-M, numericamente parlando, sono ancora sbilanciate a favore delle biciclette tradizionali e quindi sarei un folle se scrivessi quello che scrivo solo per presunto interesse e comunque se siete appena, appena attenti potete facilmente comprendere che per un presunto bottegaio – quale io sono del resto – vendere mele o pere fa veramente poca differenza ! Un’ ultimissima cosa quando incontro un biker con Mtb tradizionale non lo prendo in giro mai ma anzi lo incito e, se sono in E-Mtb, dichiaro subito di esserlo per evitare che si senta preso in giro… se tutti si astenessero dal giudicare il divertimento altrui ma anzi lo apprezzassero forse il mondo della bici sarebbe migliore …

Gianni Biffi – Pro-M – Milano

IMG_0007

IMG_0011

IMG_0010

E-Enduro Levico Terme (TN) : un successo nonostante i problemi

06 Lug 2017

Levico Terme, località Panarotta : un posto meraviglioso !

Il Pro-M E-Team si presenta al completa già da Venerdì; i percorsi sono fettucciati ma praticamente ancora “da fare” . Il Venerdì servirà quindi solo a rodare le biciclette . Subito abbiamo problemi . Emanuele ha il cambio EX-1 con un bilanciere sfilettato, Il Bona ha un motore “fiacco” e Luca invece ha un rumore sinistro proveniente dalla ruota posteriore … meno male che è solo Venerdì !

Scendiamo dalla zona degli impianti verso gli Hotel e finalmente scopriamo che sono arrivati gli uomini di Specialized Italia : Giorgio, Ledo e Marco (in stretto rodine alfabetico) a cui mi rivolgo per avere assistenza meccanica: certo mi viene risposto, dopo cena ci guardiamo . WOW che fortuna forse abbiamo risolto ! Una bella doccia, una magnifica cena e dopo cena troviamo i 3 “Specy men” a nostra disposizione. Scendiamo in garage e senza nemmeno dover chiedere Giorgio e Marco sono già sul cambio di Emanuele ! In men che non si dica troviamo una soluzione di fortuna e andiamo tutti a nanna .

Sabato mattina tutto è pronto per le prove vere : i nostri 4 atleti partono per una prima ricognizione ma dopo PS1 e PS2 il Bona non è convinto che il motore spinga come il vecchio e decide per la sostituzione completa, il cambio di Ema lo ha riportato al CO ma ormai non tiene più, Luca invece ha rotto la ruota libera e sta tornando a piedi, la Gio è l’ unica senza problemi : siamo in emergenza !!!

Il Bona assistito dal meccanico Atala provvede da solo a sostituire il motore con il vecchio, la ruota di Luca è irrecuperabile e quindi mi rivolgo ancora una volta agli amici di Specy : immediatamente mi offrono una Levo test per la gara di Domenica . WOW, il problema è risolto, rimane il cambio rotto di Ema ma Marco mi suggerisce che se vogliamo possiamo smontarlo dalla bicicletta ormai inutilizzabile di Luca . Accetto e Marco, insieme a Giorgio, sono già con le due biciclette sul cavalletto: meno di 15 minuti e Ema può di nuovo usare la sua Levo con il cambio funzionante !!!

Domenica sapete tutti come è andata : 3 primi posti, un secondo posto e un 4 posto di categoria !

Che dire : grazie 1000 ancora ai 3 “Specy men” e a Specialized Italia !!!

Siete stati meravigliosi !!!

Per finire vorrei ricordare anche il caffè di Ledo – che tra un test e l’ altro – ha sempre provveduto a tenerci belli svegli 🙂

Alla prossima ragazzi, grazie,

Ledo è anche l' uomo caffè :-)

 

Visita a Thok E-Bikes

09 Giu 2017

Stefano Migliorini (in arte il Miglio) mi manda un SMS : “noi la montiamo domani mattina, quando vieni ?” Detto fatto,il giorno seguente mi organizzo e alle 13:30 parto da Milano in direzione Alba . Poco meno di un’ ora e mezza di furgone e raggiungo l’ indirizzo inviatomi da Stefano: la Thok E-Bikes.

La giovanissima azienda si trova all’ interno del gruppo di aziende denominato TCN group e occupa un’ interi piano con uffici, show room, officina e magazzino nello stabile del gruppo. Il gruppo TCN detine tra le altre un’ officina per lavorazioni meccaniche di precisione che produce particolari di altissima qualità per molte aziende di rinomanza mondiale. Stefano è partito circa 12 mesi fa da questa realtà e in brevissimo tempo e riuscito a progettare, prototipare, provare e infine mettere in produzione la Mig: la prima E-Bike della casa Piemontese .

Durante la nostra visita abbiamo potuto visitare la fabbrica rendendoci subito conto dell’ enorme potenziale che Thok può avere nel mondo delle E-Mtb grazie all’ esperienza in questo settore di Stefano e alla magnifica struttura del gruppo TCN. In un angolo all’ interno dello show roon abbiamo anche trovato il primo prototipo (vedi foto) che è servito a Stefano per provare geometrie, il posizionamento migliore della batteria (che poi è stato spostato in basso per garantire un miglior baricentro)  e quant’ altro quando non era nemmeno stato definito ancora il motore da montare e che oggi fa già parte della storia di questa piccola realtà . Molto più che le parole per quanto riguarda la Thok direi che parlano le foto che abbiamo potuto scattare durante la nostra visita e che potete trovare nella photogallery sulla nostra pagina Facebook . Insomma un’ azienda giovanissima che grazie anche alle sinergie di gruppo ha un futuro molto roseo davanti a se e di cui sono certo sentiremo paralre nel prossimo futuro .

Visitata la fabbrica, chiaccherato a lungo con Stefano e i suoi collaboratori, ritirata la nostra “magnifica” Mig Pro-M Ltd di colore arancio appena terminata siamo tornati a Milano certi che l’ avventura Thok appena iniziata sarà un successo: grazie Stefano, grazie Thok !

TCN

L’ officina TCN

Thok_proto

Il primo prototipo a pedali (il motore non era ancora stato definito) con cui il Miglio ha iniziato a sistemare geometrie e quant’ altro : la storia Thok è solo all’ inizio 🙂

Pro-M E-Team – E-Enduro a Massa Marittima: un successo !!!

05 Giu 2017

Eccomi di nuovo a riflettere e a raccontare di un magnifico weekend passato con i miei amici e atleti dell’ E-Team sui sentieri di Massa Marittima . Un percorso creato ad arte per le E-Mtb che ha fatto divertire ogni partecipante come in pochi altri casi, con PS che prevedevano tanta fatica e salite con tecnicità al punto giusto : bravi i Builder di Trail Brothers !

L’ E-Team ha ottenuto i seguenti risultati :

1° Team classificato

1° classificato categoria Men Over 46 con Gianluca Bonanomi (4° nella classifica assoluta)

2° classificata categoria Women con Giovanna Bonazzi

2° classificato categoria Junior Men con Emanuele Biscaldi

7° posto finale nella classifica assoluta con Luca Fusani che, pur partendo con un numero alto (il 64) che lo ha costretto a sorpassi multipli in ogni PS, ha ottenuto un risultato eclatante: grandissimo Luca !!!

Quindi come potete ben immaginare sono estremamente felice e contento dei ragazzi 🙂 Grazie 1000: siete fantastici !!!

Veniamo ora alle note dolenti : come al solito ho ancora moltissime cose da imparare !!! Non sono contento del mio lavoro di Team Manager e Vi spiego in due parole il perchè. Potevo portare il Bona ad un podio nella classifica assoluta e invece, per troppa educazione e – permettetemi di dirlo – troppa signorilità, non ho presentato un sacrosanto reclamo agli Ufficiali di gara . Questa scelta se come uomo e persona mi rende orgoglioso, come professionista, nelle sue funzioni appunto di responsabile del Team, invece mi sottolinea un grosso errore perchè ho mancato di rispetto ai miei ragazzi ed alle Aziende che in qualche modo rappresento !!! Chiedo scusa ancora una volta e assicuro a tutti che la prossima volta – augurandomi che non ce ne sia mai la necessità – farò quanto dovuto sino alla fine perchè se le regole ci sono vanno rispettate e fatte rispettare da tutti : nessuno escluso !!! Potrei dilungarmi in altre considerazioni e dire che forse spetta prima ad altri questo compito ma questa è un’ altra storia …

Grazie 1000 ancora tutti : ai miei ragazzi, ai Trail Brothers, all’ organizzazione del circuito, agli uomini del cronometraggio, agli Ufficiali di gara e al mio amico Oscar … siete stati tutti magnifici 🙂

M3

Bona in PS4 .

Gio in PS4 .

 

 

Voglio, pago, pretendo !

19 Mag 2017

Oggi mi sono scontrato telefonicamente con un Cliente che ritengo essere lo stereotipo del famoso detto “voglio, pago, pretendo” ! Ma veniamo con ordine al racconto di questa incredibile vicenda come segue :

Buongiorno, sono “Pinco Pallino” ho comprato da Voi una Mtb X.Y.Z. e avendo un problema di regolazione del cambio sono andato da un professionista (concessionario X.Y.Z.) il quale mi ha detto che la cassetta montata non è quella orginale per quel modello . A questa affermazione mi sono permesso di chiedere il nome del professionista ricevendo come risposta “lasciamo stare” . A quel punto ho controbattuto che avrei lasciato stare anch’ io e che non intendevo rispondere senza prima aver avuto il nome del collega . Lei mi deve dare i soldi o cambiare la cassetta che non è quella che doveva essere montata sulla bicicletta che vale svariate migliaia di Euro, questa è una cosa tra me e lei, se non mi da soddisfazione mi rivolgerò all’ Associazione consumatori ! A questo punto – chi mi conosce sa che ho un carattere almeno “spigoloso” – ho invitato il Sig. Pinco Pallino a fare ciò che riteneva più giusto ma l’ ho anche informato che senza il nome del collega non avevo intenzione di proseguire nella conversazione … a quel punto il nome è improvvisamente saltato fuori !

Conclusa quindi la chiamata con il Cliente, confermandogli che gli avrei dato una risposta quando avessi accertato l’ accaduto, ho proveduto a chiamare l’ amico collega che mi ha confermato non fosse vero quanto asserito dal Cliente !!!

Richiamato il Cliente ho confermato allo stesso che – come ritenevo sin dall’ inizio – il montaggio della Mtb era del tutto corretto e rispondente alle specifiche di montaggio e a quel punto mi sono permesso di consigliare al Cliente un altro negoziante perchè se non ha fiducia in noi è inutile che continui a venire da noi ! Non contento il Sig. Pinco Pallino mi ha minacciato ancora una volta dicendomi che mi avrebe fatto pubblicità in giro … ho risposto che di persone “tutte chiacchere e distintivo” come Lui ne conosco tante e che poteva dire, scrivere a fare ciò che riteneva giusto 🙂

Morale della favola: non è che perchè entro in un negozio e pago un prodotto che voglio acquistare divento di colpo onnipotente e posso chiedere qualsiasi cosa con toni da “mafioso” o peggio da padrone del mondo … almeno io non lo farò mai !

Poi per finire c’ è la versione internet che recita più o meno : “voglio, NON pago, pretendo” ma questa è un’ altra storia 🙂 🙂 🙂

Pro-M-Store

Pro-M E-Team alla prima E-Enduro – Emozioni a caldo

03 Apr 2017

Ieri abbiamo passato un magnifico weekend a Sestri Levante in occasione della prima gara Enduro per biciclette elettriche organizzata da Race Events con a capo il “magnifico” Franco Monchiero : una certezza nell’ organizzazione delle gare Enduro da sempre !

A fine gara abbiamo ottenuto risultati che vanno oltre le più rosee aspettative : 2 primi posti ed 1 terzo posto nelle varie categorie oltre al primo posto nella speciale classifica Team !

Ma nonostante tutto non sono felice di me stesso L Intendiamoci sono al settimo cielo, raggiante e divertito come poche altre volte mi era capitato, ma nonostante tutto la mia brutta abitudine di vedere il bicchiere sempre mezzo vuoto e la mia “mania” di fare tutto al 110% delle umane possibilità mi lascia l’ amaro in bocca … Il perché è presto detto : ho sbagliato sottovalutando la velocità e la forza di uno dei miei ragazzi – permettetemi di chiamarli così per oggi – che ha dovuto ritirarsi alle prime vere asperità della 1 PS . Potevo e dovevo fare meglio nella scelta dei materiali per tentare di evitare una rottura che proprio non mi va giù come non è andata giù al mio Campione che ha dovuto con grande rabbia e delusione rinunciare alla gara . Questa è una colpa che mi assumo totalmente nella piena consapevolezza che si poteva e si doveva fare meglio !!! Sono certo che farò tesoro di questo malaugurato accadimento e che farò di tutto perché questo non avvenga mai più !

Bene, adesso che mi sono tolto il groppone che avevo in gola sin da ieri mattina vorrei ringraziare oltre agli organizzatori dell’ evento tutti i miei Campioni : Giovanna, Gianluca, Luca e Emanuele che mi hanno dato una gioia difficile da descrivere e che resterà per sempre nella mia memoria e nel mio cuore !

Devo inoltre ringraziare ancora una volta le Aziende che hanno collaborato a questo successo che sono : Specialized Italia – Vittoria – Endura – Fox Italia – AMG (Sram) – LMPD

Bravi tutti !

Ci vediamo alla prossima E-Enduro di Massa Marittima il 4 e 5 Giugno 2017 : comunque andrà sarà un altro successo !!!

Ma sopratutto grazie all' E-Team Pro-M : senza di Voi Campioni non sarebbe stato possibile !!!

Grazie all' organizzazione E-Enduro e a Franco in particolare !

Internet : il buono e il cattivo della rete

09 Mar 2017

Da moltissimi anni utilizzo la rete – siti e profili social – come veicolo di marketing per il nostro negozio di biciclette ed accessori. Sono sempre stato un discreto appassionato di tecnologia, pur non essendo ne un programmatore ne tantomeno un hacker, e a prova di ciò forse alcuni di Voi ricorderanno il nostro primo “Bike configurator” da noi ideato che aveva anticipato a quei tempi anche le più famose case automobilistiche del pianeta !

Il vantaggio in termini di visibilità e di marketing è sotto gli occhi di tutti : oggi la pagina Facebook di Pro-M conta su più di 266.000 followers di cui circa 250.000 passano almeno una volta al giorno sulla pagina stessa : un risultato eclatante ed insperato che ha portato Pro-M a essere ben conosciuta nel mondo della MTB in Italia.

Fatto questo doveroso preambolo per farVi capire che non sono il solito “ciclista”, anche se resto un bottegaio e nulla più, che sputa sulla rete come se fosse il diavolo o la rovina della propria attività (abbiamo da poco creato anche un e-shop che in breve tempo ha iniziato a dare i sui discreti risultati) vorrei però entrare nel merito di quelli che sono i problemi creati da un utilizzo errato di internet da parte di molti di noi.

Per rendere da subito l’ idea di cosa penso su molti Utenti, che spesso usano i vari Forum (per fortuna sempre meno presenti), gruppi Facebook e ogni altro modo per scrivere sui diversi gruppi social e non, vorrei usare una similitudine – senza per questo voler dire che lo sono – con i cani chiusi nelle macchine che abbaiano a chiunque si avvicini 🙂 Insomma dei “Rambo della tastiera” che protetti spesso dalla tastiera stessa e dall’ anonimato usano questi mezzi per scrivere “sciocchezze” o insulti che probabilmente nella vita reale mai direbbero. Come definire questo atteggiamento : voglia di evadere o passare del tempo con leggerezza nel migliore dei casi, oppure voglia di sfogare le proprie frustrazioni giornaliere su altri, oppure nel peggiore dei casi voglia di apparire ad altri quello che magari sognerebbero di essere ma che mai saranno .

Ultimo, ma non meno importante, il fatto che per moltissimi Utenti della rete sia ancor più evidente che il “dio denaro” sia l’ unica cosa che conta (come purtroppo accade sempre più spesso anche nella vita reale) e che quindi tutto sia legato a questo. Quanto volte mi è stato scritto che io non sono adatto a fare il negoziante oppure il commerciante perché nell’ immaginario di queste persone un negoziante deve sempre chinare il capo davanti a tutto pur di vendere … Questa gente pensa forse che un commerciante non abbia identità, cervello e dignità o che il denaro possa sempre e comunque comprare ogni cosa ???

Inoltre penso di aver ricevuto sulla pagina Facebook di Pro-M qualche migliaio di richieste per avere il prezzo di ogni articolo che abbiamo pubblicato e, dato che sui social evitiamo di parlare di denaro per non innescare inutili discussioni, quindi di avere copiato ed incollato la ormai arcinota frase “Per informazioni commerciali scrivere a sales@pro-m.com, grazie” . Risultato su 100 richieste di prezzo in rete forse abbiamo ricevuto 1 o 2 mail con richiesta del prezzo . Sarà mica che internet sia considerato un semplice gioco/passatempo virtuale per molti degli Utenti ?

Da tutto ciò ho potuto trarre una semplice deduzione personale che se la rete è sicuramente un mezzo potentissimo e incredibilmente utile forse noi uomini non siamo ancora pronti o abbastanza preparati per gestire uno strumento tanto potente … In poche parole la rete è un grandissimo strumento di progresso mal utilizzato da buona parte dell’ umanità 🙂

Pro-M_Store

La MTB e il continuo appiattimento dei cervelli :-)

22 Feb 2017

Molti di Voi che mi conoscono sanno quanta passione ed interesse mostro – ormai da molti anni, forse troppi – per le due ruote con particolare attenzione alle MTB bi-ammortizzate ed ai cinematismi dei telai senza per questo ritenermi il depositario della scienza ne tantomeno un “Pro-rider” ! Anzi mi considero un mediocre che ormai ha solo tanti anni di esperienza ma nulla più .

Una passione ormai coltivata da circa 36 anni di onorate pedalate in MTB che mi porta ogni giorno a leggere, informarmi e cercare di comprendere al meglio il funzionamento di un carro o di un altro. In questo mio “piacevolissimo lavoro” sono aiutato anche dal fatto che in Pro-M quasi tutte le innovazioni ed i perfezionamenti dei vari sistemi di sospensione giungono sempre in fretta e il test scatta quasi immediatamente ! Nel corso di questi anni ho anche acquisito una discreta sensibilità di guida così come una buona manualità nella regolazione delle varie unità ammortizzanti montate sui vari telai e quindi in qualche uscita ritengo di poter percepire le varie differenze tra un prodotto e l’ altro . E’ una parte importante e divertente del mio lavoro e sono molto felice di poterlo fare con dedizione assoluta proprio perché mi piace . So benissimo di aver sempre da imparare e da capire ad ogni uscita e ritengo che questo arricchimento di competenze mi faccia bene a livello di persona e di professionista del settore : in due parole (scusate se mi ripeto) sono felice !!! Potrei dire che “nutro” sia la mia mente che la mia passione con questi continui aggiornamenti sul prodotto 🙂

In cosa dovrebbe sfociare tutto ciò ? Nel fornire a chi entra in negozio tutte le informazioni possibili ed immaginabili per poterlo aiutare nella scelta del prodotto giusto per l’ uso che intende farne. Ma spesso è proprio qui che casca l’ asino J Infatti mi ritrovo a spiegare le mie personali sensazioni sui prodotti ma l‘ impressione che ricevo dai miei interlocutori è nella maggior parte dei casi a dir poco sconfortante e spesso si riassume come segue :

  • Scarsa conoscenza del prodotto e disinteresse verso quanto tento di spiegare
  • Interesse solo verso il prezzo, l’ assemblaggio o peggio il colore della MTB senza tenere minimamente in conto della parte tecnica quali geometrie, tipo di sospensione, esatta misura del telaio o delle finiture dello stesso
  • Competenze da internet e quindi chi sono io per poter confrontarmi o discutere con la rete: tanto alla fine la realtà e che io devo solo vendere il prodotto dove guadagno di più (nel loro immaginario) 🙁

Ovviamente esistono anche persone molto educate ed attente che ascoltano con interesse e partecipano alla discussione arricchendola con proprie esperienze e conoscenze personali che mi aiutano a crescere ed a comprendere diverse opinioni e sensazione che arricchiscono la mia persona . Purtroppo però devo dire che sono veramente una minima parte …

Oltre al web – dove vale tutto ed il contrario di tutto – vorrei poi soffermare la mia attenzione sui giornalisti della carta stampata e/o del web … Siamo sicuri che siano completamente liberi da interessi e dietrologie imposte dalle varie Aziende e che scrivano quindi sempre ciò che percepiscono sui vari prodotti ? Sinceramente direi che è esattamente il contrario: si scrive sempre e comunque ciò che non irriti l’ Azienda che ci ha fornito il prodotto da testare e non quanto realmente percepito perché in caso contrario il sistema si rivolterebbe e perderebbero il loro lavoro . Sul web poi la cosa diventa ancora più subdola e discutibile poiché ognuno di noi vive di accessi sul proprio sito e/o sui vari social . Per ottenere accessi ed interesse verso il proprio canale di comunicazione web spesso assistiamo a scritti o alla pubblicazione di filmati appariscenti ma privi di contenuti veri (la pagina Facebook Pro-M ne è un chiaro esempio 🙂 ) al solo scopo di attirare “traffico” ! E pensate che noi rifiutiamo flames o discussione che sfociano in litigate assurde sul web mentre altri fanno della discussione “sanguinolenta” e piena di insulti un motivo in per fare accessi !!! Un’ altro trucco spesso usato da molti (noi l’ abbiamo sempre rifiutato come i flames sulle nostre pagine) è quello di parlare di denaro in rete; questo aumenta a dismisura l’ interesse del classico Utente web che ha solo bisogno di chiacchiere in stile “bar dell’ angolo” ed il poter dire durante l’ aperitivo che ha visto una bicicletta da X-mila Euro aiuta molto a pavoneggiarsi tra gli avventori serali 🙂

Tornando alla realtà del mondo con informazioni velocissime e alla portata di chiunque io stesso spesso sono costretto a tacere su alcune piccole sfumature per non irritare nessuno e sia chiaro che in Pro-M siamo praticamente indipendenti – dato che paghiamo tutti i prodotti che acquistiamo / proviamo sempre e comunque – e non in vendita per nessuno. Ma purtroppo la velocità di scambio delle informazioni in rete di fatto ci rende poco trasparenti in alcuni casi (abbastanza rari per fortuna: chi ci conosce ben lo sa) solo per evitare che qualche Azienda si possa indispettire … Ripeto si tratta di sfumature per noi che possiamo permettercelo ma pensate invece a chi di fatto è legato a triplo filo con chi produce e che se scrive male di un prodotto non avrà nemmeno più la possibilità di poter testare altri prodotti dell’ Azienda che si senta danneggiata dai sui scritti !

Praticamente si tratta di appiattire i propri cervelli e le proprie sensazioni (cosa che chi scrive spero possa continuare a non accettare anche nel futuro) su quanto deciso dall’ Azienda che produce il prodotto senza possibilità alcuna di esprimere dei pareri veri tratti dall’ uso sul campo del prodotto stesso .

Anche questa forse è la globalizzazione : che tristezza 🙁

P.S. : questo è semplicemente quello che penso io del nostro attuale triste mondo dove purtroppo vale tutto ed il contrario di tutto pur di fare i propri interessi! Una guerra che si pratica non più con le armi ma anche e soprattutto con le parole … ma rilassiamoci perchè essere famosi in rete è come essere ricchi a Monopoli 🙂

P.S. 2 : aggiornamento del 22 Febbraio 2017 – Ho appena letto il test della Rocky Mountain Slayer 790 MSL scritto da Luca Colasanto per MtbCult.it e questi sono i test che mi piacciono : onesti e senza risparmiarsi elogi e critiche !!! Bravo Luca ! Sono altresi certo che Davide Bonandrini di DSB continuerà comunque a dare biciclette test a Luca 🙂

Sosta prima di risalire .

Durante uno degli ultimi test sul campo

 

 

Rapporti personali : be nice , say hi .

14 Feb 2017

Parlando di rapporti personali ho notato che in questi ultimi tempi sembra che la gente che entra nei vari piccoli negozi sia ormai talmente assuefatta ad entrare nei centri commerciali che spesso si dimentica persino di salutare gli addetti del negozio .

Oltre al fatto di dimenticare di non essere in un anonimo centro commerciale tutto ciò – IMHO – è una delle conseguenze dell’ impoverimento dei rapporti personali causata anche dall’ uso della rete e in particolare degli smartphone che anziché avvicinare le persona sembra proprio che tendano ad isolarle in un modo sempre più evidente .

Parto da questi piccolo esempio per dire che in pratica è un mondo fatto da persone che nella maggior parte dei casi sono sempre e comunque “tutti contro tutti” oppure dalla serie io son io e Tu non sei un … oppure io sono più bravo e più furbo di Te . Penso che questo poi si rifletta anche su altre attività quotidiane delle persone con il risultato che ci vogliamo sempre meno bene gli uni con gli altri e che ci porta a avere una conflittualità perenne che spesso sfocia in assurde discussione sui vari forum, blog e social media ma non vorremmo mai che poi venisse anche applicata sempre più spesso nella reale vita di tutti i giorni. Attenzione perché molte volte il passo è più breve di quanto si possa immaginare .

Una comunità come quella dei mountain bikers ad esempio – ma vale probabilmente anche per tutte le altre comunità – dovrebbe sforzarsi di fare gruppo comune ed invece assistiamo spesso alla formazione di tanti piccoli gruppi che difficilmente collaborano con gli altri perché non hanno interesse a farlo oppure addirittura si guardano in cagnesco per invidia o ignoranza dei componenti dei vari gruppi . Un esempio : se io faccio un forum o un gruppo Facebook dedicato ad un argomento specifico immediatamente ne nascono almeno altri due o tre che trattano lo stesso argomento con il risultato che spesso queste piccole comunità si fanno concorrenza le une con le altre perché ognuno ritiene che gli altri siano peggio di loro : una piccola guerra virtuale ! Questo poi porta conseguentemente ad avere un astio perenne nei confronti di chi non appartiene al Tuo micro gruppo o più genericamente verso gli altri .

Quindi, tornando al primo esempio fatto, re-impariamo tutti – ove l’ avessimo scordato – a salutare con cortesia quando entriamo in un piccolo negozio e questo aiuterà, sin dall’ inizio, a stabilire una buona relazione con chi è dall’ “altra parte della barricata” 🙂

Se ci riusciremo tutti sarà già un piccolo passo avanti verso un mondo più educato e meno conflittuale .

Pro-M-Store

Design & Innovation Award 2017 : belle bici per bella gente ?

01 Feb 2017

Come molti di Voi sapranno ormai il lavoro che faccio è di scorrere il web in lungo e in largo relativamente a tutto ciò che riguarda in qualche modo la bicicletta sia essa bici da strada, mtb o e-bike . Volente o nolente questo è ormai il mio lavoro.

Sempre più spesso mi trovo davanti agli occhi concorsi o premiazioni di quelle che dovrebbero essere -secondo i gestori del concorso – le eccellenze da premiare nel nostro mondo a due ruote . (altro…)

La bicicletta, la sua garanzia e la corretta manutenzione .

27 Gen 2017

In questi ultimi tempi, con l’ avvento delle e-bikes, i problemi di manutenzione della bicicletta e le richieste di “finte” garanzie stanno aumentando in maniera abbastanza preoccupante .

Grazie all’ utilizzo errato di internet e alla diffusione di informazioni “bufala” che il sistema stesso non riesce a controllare sembra che ogni tipo di intervento venga richiesto nei 24 mesi dall’ acquisto debba sempre essere considerato una garanzia .

Per esperienza personale posso dire che in altissima percentuale le richieste di garanzia non dovrebbero nemmeno venir richieste. E’ famoso ormai nell’ ambiente il fatto che un Cliente di una grossa catena di distribuzione di articoli sportivi abbia richiesto in garanzia una camera d’ aria forata che  aveva acquistato il giorno prima . Ricordo a tutti che la garanzia classica riconosciuta da quasi tutte Aziende copre difetti di produzione (ove dimostrabili o di pubblico dominio) e non consumo, mancata manutenzione, errato utilizzo o abusi dell’ utilizzatore. (altro…)