Prova nuova Specialized Kenevo SL S-Works

Dopo la Levo GEN3 Specialized presenta la nuova Kenevo SL che completa la gamma di E-MTB della casa di Morgan Hill . Oggi infatti Specialized è l’ unica azienda al mondo a poter offrire alla Clientela ben 2 E-MTB con motore pieno da 36 v (assistenza 4 x) e 2 E-MTB o Light-MTB con motore piccolo da 48 v (assistenza 2x) i cui motori sono progetti completamente differenti e non “accrocchi” fatti partendo da comuni motori con software dedicati come purtroppo altri hanno provato a distribuire sul mercato 😉 Il perchè è facilmente intuibile facendo un paragone in campo motori termici : se uso un motore da 2000 cc e lo depotenzio elettronicamente otterrò un motore che spinge meno ma con consumi molto vicini al motore pieno mentre se uso un motore piccolo da 1000 cc e l’ ottimizzo avrò consumi ben minori con prestazioni magari simili . Insomma si tratta di efficienza migliore sin dalla base di partenza del progetto almeno per quanto riguarda i consumi 😉

Questa nostra affermazione è supportata dal fatto che i due progetti Specialized nascono da basi di partenza diverse e hanno due motori completamente diversi ! Nessun altro può vantare tale completezza di gamma e differenzazione di progetto : E-MTB diverse per usi diversi ! Infatti la Levo GEN3 (trail bike) e la Kenevo GEN2 (enduro) montano il ben conosciuto motore Specialized 2.1 o 2.2 (prodotto da Brose) con 250 W di potenza nominale (oltre 700W di picco) , 90Nm di coppia , assitenza 4 x e con un peso di circa Kg. 2,900 . La Levo SL e la Kenevo SL invece montano il motore Specialized 1.1 (prodotto da Mahle) con 240 W di potenza , 35Nm di coppia , assitenza 2 x e con un peso di circa Kg. 1,900 .

Fatta questa doverosa premessa e dopo il first ride test (qui il link : https://www.pro-m.com/first-ride-specialized-kenevo-s-works-super-light/) , come per la Levo GEN3 , abbiamo proseguito a provare la Kenevo SL che proprio per le sue molteplici possibilità di settaggio delle quote geometriche e quant’ altro necessitava di test più approfonditi in ogni sua possibilità di setting . EccoVi l’ elenco dei setting da noi provati in ordine cronologico :

Carro in posizione High e calotta sterzo a 0 per un angolo sterzo di 63,9° (settaggio di serie)

Carro in posizione Low e calotta sterzo a 0 per un angolo sterzo di 63,5°

Ecco quindi cosa abbiamo rilevato in questa nostra prova  :

Estetica : forse la E-MTB che meno rassomiglia a una E-MTB ! E’ veramente difficile ad uno sguardo non approfondito capire che c’ è un motore tra i due pedali 🙂 La bicicletta è veramente bellissima e , per l’ uso a cui è destinata , anche molto leggera (Kg. 18,480.- con allestimento S-Works e pneumatici di serie tubelessizzati) . Ogni particolare e finitura che il mercato aveva segnalato come poco idoneo sul precedente modello è stato sistemato e migliorato in questa nuova versione SL !

Posizione di guida : è forse la prima volta che salendo su una Specialized incontro qualche perplessità sulla facilità ed immediatezza di guida … Sarà per il peso contenuto o per gli appoggi non regolati alla perfezione per me ma Vi assicuro che in condizioni di scarsa aderenza (terreno fradicio su roccia) ho incontrato non poche difficoltà a fare “velocità di gallegiamento” in una delle prime uscite . Devo però altresi confermarVi che una volta regolato il manubrio come piace a me e una volta settate al meglio le sospensioni questa sensazione , strana per una Specialized , è immediatamente scomparsa .

Sospensioni : ammortizzatore Fox X2 Factory e forcella Fox Float 38 Factory con cartuccia Grip2 , con corsa di 170 mm al posteriore e all’ anteriore . Due unità ammortizzanti molto valide che accoppiate al sistema FSR con sei punti d’ infulcro (di derivazione Demo, Enduro)  producono quello che forse oggi è da considerare uno dei più evoluti sistemi sospensivi per uso gravity . Infatti il carro posteriore passa letteralmente sopra a ogni cosa mantenendo sempre la ruota posteriore incollata al terreno e dando la sensazione di continua spinta in avanti quando incontra gli ostacoli o quando la si rilancia .

Salita scorrevole : con il motore 1.1 bisogna sicuramente spingere parecchio sui pedali se in compagnia di amici con motore pieno oppure ridurre la velocità e salire con più calma se comparata ad una E-MTB tradizionale . Comunque a parte le considerazioni sul motore l’ ottima sospensioni posteriore e le ruote da 29″ garantiscono trazione e velocità di percorrenza su terreni scorrevoli .

Salita tecnica : sicuramente la sospensione posteriore copia tutto mantenendo un’ ottima trazione , se dotati di gambe per far girare il motore sopra le 65 RPM salirete ovunque con discreta velocità . Se invece bisogna ripartire sullo stretto dovrete avere gamaba per spingere i 19Kg della bici perchè come detto il motore non spinge al di sotto delle 65 RPM . Insomma c’ è di meglio per salire su percorsi trialistici sia come geometria ma soprattutto come spinta del motore .

Single-track : il peso di soli 19Kg , il carro corto (442 in High) e l’ ottima resa della sospensione posteriore , che sembra quasi voler accellerare ad ogni uscita di curva , insieme alla geometria gravity fanno della Kenevo SL un’ arma velocissima e divertentissima anche se con ruote grosse da 29″ ! Sicuramente una delle migliori E-MTB usate su percorsi ondulati e/o discesistici con tante curve e rilanci . Si ha subito la sensazione di essere più veloci che con altri prodotti e sembra quasi di avere un qualche d’ uno che Ti spinge a correre di più 🙂

Discesa scorrevole e fluida (veloce) : molto valida e veloce sia con il carro in posizione High che ancor di più in posizione Low : micidiale !

Discesa tecnica e stretta : il basso peso , l’ ottima forcella Fox 38 ne fanno un’ ottima E-MTB in mano a mani esperte e a condizione che si riesca a mantenere una discreta velocità di “galleggiamento” perchè se la velocità scende , anche complice un’ interasse abbastanza lungo , la bicicletta diventa un pò impacciata .

Frenata : i freni Sram Code SRC con rotore da 220 mm all’ anteriore (concessione alla moda del momento IMHO) e da 203 mm sono stati da noi immediatamente sostituiti con dei ben più performanti dischi BCA Y0d4 da 203 mm su ambedue le ruote . Il risultato è più che eccellente : con pastiglie originali i dischi BCA fanno fare il salto di qualità in ogni condizione e la frenata diviene eccelente anche se maltrattati a lungo e con temperature elevate . I freni Sram , tanto criticati dal mercato , ancora una volta ci hanno confermato che hanno solo bisogno di dischi e/o pastiglie migliori … Certo, c’ è di meglio sul mercato ma considerare i Code delle “emme” come sento dire spesso mi sembra realmente eccessivo 😉

Rigidità : da riferimento nel mondo delle E-Light MTB ! Penso di non avere mai provato una Light E-MTB con questa rigidità e conseguente prestazione .

Dotazione :  il montaggio è di altissimo livello fatta eccezione per i dischi freno come già detto . Trovate la dotazione della nuova Kenevo SL  al seguente link : https://www.specialized.com/it/it/s-works-turbo-kenevo-sl/p/199107?color=318020-199107  . Gruppo Sram XX1 AXS a 12 velocita , ruote con mozzi Roval / DT Swiss ben scorrevoli e cerchi in carbonio Roval SL , sospensioni Fox di cui abbiamo già ampiamente parlato , reggisella telescopico Sram Reverbe AXS , manubrio in carbonio e manopole Deity molto confortevoli . Insomma la solita dotazione d’ altissima gamma . A questo aggiungiamo la possibilità di montare il Range Extender (di serie sulla S-Works) da 160 Wh alla batteria interna da 320 Wh .

Finiture : è una S-Works realizzata con grandissima cura e attenzione . Magnifico il parafanghino posteriore e le protezioni sul carro . Il colore (verde metalizzato) è molto sobrio ma sicuramente affascinante e farà girare la testa a moltissimi Utenti .

Valutazione rapporto qualità/prezzo : il prezzo è forse il più alto del mercato attuale ma se volete una Kenevo SL S-Works questo è attualmente il prezzo da pagare per avere un’ oggetto bellissimo e con prestazione discesistiche forse ancor migliori dell’ Enduro tradizionale grazie al miglior bilanciamento e all’ abbassamento del baricentro .

Note finali : come per la nuova Levo GEN3 le possibilità di personalizzazione della Kenevo SL sono veramente uniche sul mercato anche se la Kenevo SL , a differenza della Levo , sente meno il braccio di leva spostando il carrro in posizione Low probabilmente per una sospensione già molto efficiente di suo . In pratica la sospensione resta molto efficiente nelle due posizione con una corsa più lineare in posizione Low . La geometria con sterzo a 63.5° è per le mie necessità da preferire e non ho avuto nessuna necessità di aprirla ulteriormente . Sicuramente un prodotto di riferimento nel mondo delle E-Light MTB se si vuole una bicicletta gravity !

Se avesse anche un motore leggermente più potente sarebbe sicuramente la mia E-MTB preferita ma per adesso e per le mie necessità penso che dovrò aspettare ancora per qualche anno 🙂 Del resto l’ attesa per il prodotto migliore è anch’essa una goduria e parte del divertimento per noi appassionati di giocattoli nuovi !!!

Per chi è stata costruita ? Probabilmente , come dice il mio amico Enrico , per chi è poco allenato ed esce con enduristi tradizionali e non per chi è molto allenato e vuole uscire con degli amici con E-MTB normali 🙂 Oppure per chi vuole fare delle belle discese in solitaria salendo con l’ aiutino al suo passo . Condivido pienamente queste affermazioni !

E comunque ¡ pota, se l’è bèla, fija !