Prova Cannondale Moterra NEO Carbon 1

A più di un anno dalla sua presentazione sul mercato abbiamo deciso di provare per bene la Moterra nella sua versione più prestigiosa : la NEO Carbon 1 . Per la prima volta da quando esiste il nostro blog questa prova è scritta a 4 mani nel senso che sia io che Ezio “Freakrider” Baggioli abbiamo usato per svariate centinaia di chilometri la E-MTB oggetto della nostra prova . Personalmente posso dire che la trovo una bicicletta adatta a chiunque e destinata ad un uso a 360° con vocazione più trail – all mountain che gravity .

Ma eccoVi le impressioni del Freak come segue :

 

Estetica : non mi posso esimere dal sottolineare che il design sia volutamente minimale, esaltato dalla verniciatura grigio Mercury / Nero lucido e dal Marchio quasi dimenticato in prossimità della serie sterzo. La difficoltà nel disegno industriale è dare un tocco di unicità al prodotto giocando soprattutto sui colori e sulle grafiche: vista la lunga militanza del marchio nell’ universo del ciclismo (Joe Montgomery la fondò nel 1971) sicuramente avrebbe meritato un vestito più accattivante anche giocando sui retaggi di un passato glorioso e non dimenticato. Sull’esemplare in prova si è provveduto a giocare graficamente destrutturando il marchio PRO-M sul triangolo principale dando un lampo di visibilità. A mio avviso necessita una rivisitazione estetica che metta in risalto la costruzione ed il disegno del telaio di fatto ben raccordato. La definirei una linea puritana ed austera che bada all’essenziale, del resto quando siete in sella gli occhi li tenete aperti sul sentiero …

Posizione di guida : dal punto di vista ergonomico e di appoggi, fatte le regolazioni del caso, la seduta è corretta. Adattarsi alla posizione della Moterra Neo 1 è immediato:  la bicicletta risulta piacevole nei controlli con tutti i comandi a portata di pollice: quello che non gradisco, ma è un mio modo di intendere il gironzolare in bicicletta, è il sistema Kiox di Bosch . Preferisco di gran lunga il Purion: si posiziona meglio vicino alla leva sinistra del freno e offre le informazioni necessarie e sufficienti per la gestione della bicicletta. La lettura del display del Kiox risulta essere non immediata causa le dimensioni della grafica e il posizionamento sul tappo della serie sterzo non migliora questo aspetto. L’azionamento delle assistenze con i guanto invernali risulta delle volte non immediato e per questo lo trovo fastidioso . Il manubrio da 780 mm è perfetto per l’utilizzo al quale la Moterra è destinata, il mondo All mountain . Sui componenti Fabric nulla da recriminare. Sono ben realizzati, le manopole offrono una presa sincera ed il reggisella telescopico fa il suo lavoro senza problemi di sorta .

Sospensioni : forcella Rock Shox Zeb Ultimate, Charger 2.1 RC2, 160mm, DebonAir, 15×110, 51mm offset ed ammortizzatore RockShox Deluxe Select+ RT, DebonAir sono le scelte di Cannondale per il suo top di gamma per quanto riguarda le sospensioni . La forcella con steli da 38 mm si rivela immediatamente un ottimo prodotto che non ha timori reverenziali nei confronti della concorrenza . Sempre in un ottica di puro piacere estetico anch’essa non brilla per vivacità, fattore non invalidante visto che si comporta benissimo in ogni situazione, esaltando la guida . I registri di ritorno e compressioni sono sensibili al punto giusto in modo che anche il biker non particolarmente avvezzo alle tarature delle sospensioni possa essere in grado di trovare il giusto assetto . L’ammortizzatore posteriore è decisamente pigro per cui necessita un sag accentuato circa il 40% per come sono vezzo a guidare, al fine di fare lavorare il carro a quattro punti di snodo con giunto Horst che sposa al meglio la sua destinazione d’uso, rendendo sicura la guida del mezzo in tutte le situazioni, anche le più estreme che durante la prova non mi sono fatto mancare (altrimenti che prova sarebbe?) .

Salita scorrevole : il motore Bosch CX Gen 4 con l’ ultimo aggiornamento del firmware è una unità motrice sincera ed affidabile: pochi fronzoli e tanta sostanza . Assiste molto bene in salita usando le assistenze Trail o E-MTB (io non uso il Turbo poiché non sento la necessità di utilizzarlo: E-MTB offre un ampio spettro di utilizzo grazie alla sua progressione tanto che si potrebbe utilizzare solo questa modalità  ed il cambio ben spaziato che fa il resto) , senza per questo essere mai molto assetato di corrente . Un buon compromesso di affidabilità e schiena che pur non raggiungendo i picchi di potenza di altre unità motrici ci permette uscite di una sessantina di Km con circa 2000 Mt+ grazie anche alla batteria da 625 Wh. Qui siamo di fronte al top di gamma , quindi il peso intorno ai 23 kg della Moterra Neo 1 è di aiuto nei consumi, considerando il fatto che io sono alto quasi un metro e novanta e peso intorno ai 90 kg in assetto di marcia . La pigrizia dell’ammortizzatore fa si che la sospensione sia molto stabile e la percorrenza in questo frangente ne guadagna nonostante il peso e la scarsa scorrevolezza della gomma posteriore .

Salita tecnica : come già detto il periodo invernale non presenta situazioni facili e per non farmi mancare nulla sono andato a cercarmele . Un fattore determinante è la maneggevolezza che unita alle ruote da 29” dotate di inserti , permette una gestione corretta della Moterra in presenza di terreni scivolosi e / o innevati: si sale con discreta facilità e se avete un poco di tecnica trialistica arriverete là dove altri si debbono fermare . Lo scavalcamento di ostacoli e gradini e garantito a patto di gestire bene il proprio peso sulla sospensione posteriore , tenendola sempre attiva . La trazione spesso viene meno a causa della scelta del pneumatico posteriore di primo montaggio: la Schwalbe Eddy Current non agevola per nulla il lavoro della sospensione , nonostante sia sceso a pressioni degne di una moto da trial non offre un grip adeguato ed in presenza di fango tende a riempirsi senza scaricare  liberando i tasselli , inficiando l’azione .

Single-track : questo è il suo terreno di riferimento. Io la definisco una Trail bike a corsa lunga e in questo ambito trova terreno facile a patto che la si conduca senza calcare la mano. Necessita una guida leggiadra che esalti la sua maneggevolezza , in tal modo vi troverete a percorrere linee rotonde e ben disegnate . I rilanci sono immediati data la sua indole e la forcella vi farà passare oltre ogni asperità con un avantreno giocoso che vi affaticherà poco. Una gestione del percorso quasi da guida autonoma di seconda generazione , giusto per stare in ambito di mobilità elettrica .

Discesa scorrevole e fluida (veloce) : ritorno al concetto espresso qui sopra. Non è una bici gravity , quindi dovete apprezzarla per come vi permette di gestire facilmente i tratti in discesa: si comporta sempre molto sinceramente e grazie all’escursione generosa legata alle ruotone da 29” vi darà molta sicurezza . Anteriore saldo e preciso vi consentirà di togliervi delle soddisfazioni nella percorrenza di curva , gestendo la scarsa presa del pneumatico posteriore … Vi sentirete come un provetto pilota di speedway .

Discesa tecnica e stretta : facile girare questa E-MTB date le quote geometriche , il peso non elevato aiuta nei tratti dove la discesa si fa più rotta e la tecnica sale in cattedra . Nei tratti lenti dove bisogna essere un poco più riflessivi nell’affrontare gli ostacoli , la Moterra si dimostra un fedele cane guida . Ho apprezzato la reattività dimostrata negli inserimenti durante i cambi di direzione trialistici grazie anche al buon bilanciamento generale . Necessita una guida meditativa , qui si va di fioretto non di sciabola , Toni Bou docet.

Frenata : Magura MT7 4-piston hydraulic disc , dischi Magura MDR-P 220/203mm , devo dire che mi hanno fatto ricredere sui prodotti del Marchio Tedesco . Al di là della mia antipatia per le leve in termoplastica ed all’ergonomia indicata per chi ha mani di dimensioni L/XL ( come le mie…) non hanno mai mostrato segni di affaticamento , sono ben modulabili , con ottima potenza frenante: svolgono il lavoro a loro assegnato senza problemi o affaticamenti . Unica nota da segnalare che durante un uscita di 5 ore sotto una pioggia che ricordava il diluvio universale , non erano prontissimi nella risposta . Ritengo sia una condizione nella quale non vi troverete spesso , quindi se amate girare in condizioni limite potrete sempre optare per mescole adeguate , pastiglie più morbide per esempioche farebbero sparire quasi del tutto il fastidioso ritardo di risposta che tanto mette nel panico , in presenza di acqua o neve .

Rigidità : adeguata per il segmento di riferimento . Triangolo anteriore ineccepibile , carro in alluminio ben strutturato considerato il fatto che è un quattro punti di infulcro , non possiamo pretendere rigidità deputate ad altri sistemi sospensivi . La forcella aiuta molto nel dare rigidità all’insieme considerato l’ottimo lavoro che svolge .

Dotazione :  trovate la scheda tecnica qui  https://www.cannondale.com/it-it/bikes/electric/e-mountain/moterra-neo/moterra-neo-carbon-1?sku=c65101m10sm . La dotazione è adeguata al tipo di prodotto e il prezzo allineato ai concorrenti: SRAM XX1-Eagle Rainbow , 10-52, 12V, SRAM X01 Eagle deragliatore , manettino SRAM GX Eagle single click , 12V per quanto riguarda la trasmissione , Magura MT7 4-piston hydraulic disc , Magura MDR-P 220/203mm per il reparto frenante: è una E-MTB con una  costruzione di qualità e ben verniciata , nulla da eccepire in linea con il posizionamento al top di gamma . Se desiderate una E-MTB da poser sicuramente non fa per voi , visto il basso profilo delle grafiche e dei colori , ma se cercate la sostanza qui ne troverete . La vera chicca è l’impianto luci: all’anteriore abbiamo in dotazione una Supernova Mini 2 Pro light . Per noi appassionati di giri in notturna è un must che tutte le Emtb dovrebbero avere . Ottimo prodotto potente ed affidabile , collegata alla batteria e comandata dal Kiox per l’accensione: accanto alla manopola di destra si trova il comando per l’intensità su tre livelli . La trovo priva di difetti , il fascio luminoso è quasi da stadio di San Siro .

Valutazione rapporto qualità/prezzo : il prezzo è in linea con i top di gamma . Se guardiamo la concorrenza lo trovo sicuramente vantaggioso se si analizza l’ equipaggiamento,siamo in un posizionamento alto e difficile quindi dare giudizi di merito .

Sono praticamente d’ accordo su tutto con l’ amico Freak e anch’ io ho dovuto cambiare opinione sulla potenza dei Magura MT7 in versione E-Bike montati sulla Moterra . Ricordo che lo stesso impianto  montato sulla Levo S-Works SL (anche se non in versione E-MTB) mi aveva invece profondamente deluso forse a causa di dischi e pastiglie non adeguati ? Se volete una E-MTB che Vi seguira docilmente, facile, affidabile e sicura per parecchio tempo la Moterra fa sicuramente al caso Vostro 😉