First ride Mondraker Level R

Scritto da Gianni Biffi il 13 Maggio 2022

Mercoledì 4 Maggio 2022 , gli amici organizzano un’ uscita sui “Sentieri dei Gatti” e quindi quale migliore occasione per riprendere in mano la Mondraker Crafty RR Carbon con il nuovo firmware aggiornato del sistema Bosch Flow ? Carico la Crafty in furgone e parto, ritrovo a Gattinara e purtroppo constatiamo che pioviggina . Si parte lo stesso e a fine giro Vi lascio immaginare quanto fango era presente sulla Crafty ! Rientro e Alberto , mio figlio , si lamenta che la bicicletta era molto sporca e che lui l’ avrebbe già venduta e quindi mi propone un lavaggio immediato – subito effettuato – e il cambio della Crafty con una delle Level R appena arrivate in Pro-M . Detto fatto e mi ritrovo su una E-MTB che non era nel planning delle prove di quest’ anno ma come ben sapete io sono curiosissimo e quindi una in più da provare non è mai un problema : dovrò solo uscire in E-MTB qualche volta in più 🙂

Preparo la Level R sistemando appoggi , cambiando ruote , gomme e dischi freno come d’ abitudine perché è per me importante avere sempre e comunque impressioni comparabili : quindi la solita Hillbilly T9 all’ anteriore e la Eliminator T7 al posteriore con dischi BCA Yod4 da 203 mm , tutto il resto è del montaggio originale (che potete trovare qui https://mondraker.com/es/es/2022-level-r  ) compresi i tanto bistrattati freni Sram G2 che però posso confermarVi ancora una volta con uno spurgo ben fatto e i dischi BCA funzionano come tanti altri ben più blasonati 😉 Ah, dimenticavo che abbiamo anche montato uno spider O-Chain che dovrebbe ridurre il pedal kick back , ma di questo parleremo in maniera più approfondita quando avremo terminato le prove di questo O-Chain . Ad oggi ho effettuato 5 uscite per un totale di circa 150 Km con più di 6000 Mt di salite e discese e quindi sono ormai pronto per scrivere queste prime impressioni della Level .

Ovviamente abbiamo percorso sentieri ben conosciuti come le Rive Rosse , il giro del tagliere , Colazza , l’ alpe Cantedoldo e il tanto divertente Bogianchini 1 al Mottarone . Per chi li conosce tutti è facilmente comprensibile la varietà dei percorsi in alcuni casi stretti , naturali e tecnici e in altri molto scorrevoli e divertenti ; quindi un’ approccio a tutto campo . Vi dico subito che la prima impressione , scendendo dalla Crafty RR Carbon , è di avere una E-MTB più lunga e pesante che gira ovviamente con meno facilità ma alla fine queste prime sensazioni sono state poi ridimensionate dai fatti . Certo la Level non è una E-MTB da guidare in punta di piedi ma bensì un “cangurone” con tantissima sospensione (180 mm) da far correre e che passa veramente su tutto : mi ricorda tantissimo la Focus Sam2 6.9 … Il vero punto di forza della Level – IMHO – è la sospensione posteriore coperta da brevetto ZERO Suspension System® che lavora come poche altre coadiuvata da un onesto ammortizzatore a molla Fox DHX2 e forse anche dallo spider O-Chain .

Quindi come detto la Level sul rotto / tecnico è veramente un prodotto da riferimento e permette velocità di percorrenza elevate anche a me che non sono certo un agonista : cosa quindi alla portata di tutti . Il peso è importante (sopra i 26 Kg.) come nel caso della Focus Sam2 6.9 , ma la Level è anche più lunga (1236 mm contro 1270 mm) e la conseguenza ovviamente è che la Level giri un filino peggio della Sam2 sullo stretto . In salita invece il sistema ZERO Suspension System® garantisce una trazione da riferimento e la spinta del nuovo Bosch 750 Flow , che può usufruire di ben due livelli d’ assistenza dinamici (E-Tour+ e E-MTB) , ne fanno un riferimento assoluto nella propria categoria di utilizzo ! Nessun problema o dubbio sulle salite e discese scorrevoli dove la buona spinta del motore e il lavoro eccellente delle due unità ammortizzanti Vi permetteranno velocità e tempi di percorrenza veramente elevati .

Posso inoltre dire che la verniciatura del telaio e carro in alluminio (non sono previste Level in carbonio nel catalogo Mondraker) sono veramente più che buone e il livello dei componenti più che adeguato al tipo di utilizzo . Un’ ultima nota di cui come detto parleremo più avanti in uno scritto dedicato : sarà merito del sistema O-Chain se le mie malandate ginocchia (dopo più di 50 anni di abusi e rotture forse hanno anche ragione 🙂 ) non mi fanno più così male quando scendo dalla Level a fine giro oppure sarà l’ infinita sospensione posteriore ? Tenteremo di appurare anche questo nel prossimo futuro : stay tuned !