All Around E-MTB in Valle d’ Aosta : report di gara .

Scritto da Roberto Diani il 13 Luglio 2022

 

Da Cogne a Cogne in quattro impegnative tappe caratterizzate da un originale format  di gara che ha messo a dura prova Bikers e attrezzature, regalando autostima e grande soddisfazione a tutti coloro che, superando difficoltà di diversa natura, hanno raggiunto la meta.

Il 5 Luglio, terminate le operazioni preliminari, si è svolto il prologo che ha determinato la griglia di partenza della prima tappa. Il, pur breve, percorso ha evidenziato le reali forze in campo, messe in fila da Martino Fruet.

Photo credit : Mario Pierguidi

 

La 1° tappa da Cogne al Forte di Bard è risultata la meno traumatica delle quattro: 50 km con D+1.500 m e D-2.800 m.

Dopo un singletrack ai piedi del Gran Paradiso è iniziata una lunga salita pedalabile (1000 m D+ in 14 km), dopo la quale è iniziato un’ altro singletrack via via più impegnativo che in 4,5 km ha portato al Colle Fenetre  (2.826 m). Dopo 15 km di discesa su terreni misti, a Champourcher, termina il tratto cronometrato, che ha visto Martino Fruet primeggiare in 1 ora e 33 minuti, ben 7′ 22” di vantaggio sull’olandese Meeuwessen. Poi il trasferimento su asfalto per raggiungere Bard. Dal Borgo medievale al Forte si è svolta la crono in salita che ha decretato in Andrea Garibbo il “Forte del Forte” che ha inflitto 1” di distacco a Martino.

 

Con la 2° Tappa da Gressoney La Trinitè (raggiunta con trasferimento su navetta) ad Antey Saint Andrè la gara sale di livello sia atletico sia tecnico: 60 km, 2.400 m D+ e 3.000 m D-.

Si parte su un divertente singletrack. Poi comincia la lunga salita su “gippabile” fino al Colle di Bettaforca (2.660 m). La discesa successiva presenta tratti decisamente impegnativi (è qui che Fruet rompe il cambio probabilmente per l’eccessiva irruenza con la quale ha affrontato il percorso pieno di insidie). Al km 18 si risale fino a quota 1.985 m. Dopo un sentierino tecnico si pedala in falsopiano sino al punto di sosta e ricarica della batteria presso la Tchavana di Metzan a 2.005 m.

Dopo 2 ore di sosta si riparte passando, con l’aiuto di una torcia, attraverso 14 tunnel privi di illuminazione,

L’arrivo è ancora distante e si raggiunge su terreni diversi con alternanza di salite e discese fino ad Antey.

L’incidente meccanico pregiudica definitivamente la classifica di Martino Fruet a tutto vantaggio Di Andrea Garibbo. Sempre più sorprendente la francese Nadin Sapin attualmente in 3° posizione assoluta.

Photo credit : Evi Garbolino

 

La 3° tappa è la più impegnativa, più corta della precedente ma più tecnica, da Antey a Valpelline passando dalla Valle di Saint Barthelemy: 47,6 km, 2.144 m D+ e 2.220 m D-. Ai 57 Bikers che hanno preso il via da Cogne se ne sono aggiunti altri 30 che ci faranno compagnia per le ultime due tappe.

Si sale per 23 km su terreni misti fino al punto di ricarica situato ai 2.000 m del rifugio Magià. Si riparte dopo 2 ore su una salita molto impegnativa con tratti “Walk”. Ancora salita pedalabile poi inizia il tratto più faticoso e tecnico. Superato il Colle Chaleby (2.676 m) si prende una discesa insidiosa (D-120 m). L’ultima ascesa al Colle Vessonaz (2.775 m 220m D+) è una sofferenza ampiamente ripagata dalla lunghissima ed entusiasmante discesa (1.500m D-) con i primi 300 m di dislivello molto impegnativi anche per la fatica accumulata.

Andrea Garibbo si conferma leader; un errore di percorso toglie a Fruet la parziale soddisfazione del miglior tempo di giornata.

 

Ultima Tappa da  Valpelline, Aosta, Pila con arrivo a Cogne: 39 km, 1.303 m D+ e 1.947 m D-

E’ una tappa atipica: si parte con un trasferimento alla Piazza Chanoux di Aosta con sosta e colazione. Da qui ci si trasferisce alla partenza della risalita in ovovia per Pila (1.874 m) da dove ha inizio la gara vera e propria. Dopo i 3 km dell’anello xc, allestito nel Pila Bike Park (molto tecnico) si pedala su poderale fino ai 2.251 m dell’alpeggio Plan dell’ Eyve. Da qui comincia un singletrack che si inerpica fino ai 2.806 m del Col Tsa Setze: l’inizio è tecnico ma ben presto si trasforma in una tortura con gli ultimi 80 m di dislivello impossibili, molti sono costretti al portage, gli altri arrancano. Ma, anche in questo caso la fatica è ampiamente ricompensata con una discesa godibile con ben 1.300 m D- fino a Cretaz. Ancora qualche pedalata ed ecco il meritato traguardo di Cogne.

Photo credit : Morgan Bodet

Martino Fruet è il vincitore di giornata ma è Andrea Garibbo a primeggiare in classifica generale; il podio è completato da Edoardo Franco e dall’olandese Rob Meeuwessen; quarta assoluta la francese Nadin Sapin.