(TO) Bardonecchia - Il colle Sommeiller Pro-m - Tracciati
share condividi
 
trending_flat durata 1 giornata - 53 Km
Dislivello 2091 mt.
Medio
impegno fisico Alto
XC / All mountain
 
Periodo ideale: Estivo
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
 

Partenza

Bardonecchia

Accesso

Da Como a Milano e di seguito autostrada per Torino, proseguendo poi, per il Traforo del Frejus e Bardonecchia. Uscire dall’autostrada alla prima uscita di Bardonecchia per raggiungere il centro della cittadina.

Informazioni

Descrizione: Molto semplice l’itinerario fino al colle, servono poche indicazioni per arrivare al Colle Sommeiller 3028. Qualche informazione più precisa invece, viene qui descritta per il rientro a valle lungo la Valfredda. Da Bardonecchia mt. 1212 nei pressi della stazione ferroviaria si imbocca la Via Sommeiller e di seguito la strada per Rochemolles. Una volta inseriti su questa strada, non la si abbandona più fino al Colle Sommeiller. Inizialmente la strada appare abbastanza ripida e impegnativa, ma poi, via via che si sale, si pedala molto agevolmente fino alla frazione Rochemolles. Ancora un breve tratto asfaltato e poi inizia lo sterrato. Sterrato con fondo molto compatto e ben ciclabile per tutta la salita eccetto nel breve tratto finale in prossimità del colle. La pendenza non è mai eccessiva lungo tutto il percorso, senza dubbio la difficoltà maggiore resta quella di essere abituati a percorsi di alta quota e con marcato dislivello. Dopo Rochemolles proseguendo lungo la salita, senza mai abbandonare lo sterrato, si passa sulla destra il lago, imboccando di seguito il V.ne di Rochemolles e arrivare poi nei pressi della deviazione per il rifugio Scarfiotti. In avvicinamenti al rifugio è molto ben visibile la serie di tornanti che conducono al Pian dei Morti, un breve tratto pianeggiante che consente di riprendere fiato. Dopo questo ripiano breve salita e nuovamente breve discesa sul Pian dei Frati. Ora, nuovamente si riprende a salire e questa volta fino al colle, senza più tratti pianeggianti. Sbalorditivo è tutto il tracciato, sorprende e stupisce questo serpentone sterrato che si snoda inverosimilmente nel mezzo della valle inerpicandosi con una semplicità estrema fino ai 3000 m. del colle e il tutto contornato da un paesaggio di alta montagna di grande fascino. Discesa. Lungo la discesa inizialmente fino al Pian dei Frati le brevi varianti sono poco significanti, quasi impossibile lungo la serie di tornanti, quindi fino al rifugio è meglio restare sullo sterrato di salita. Senza dubbio una sosta al rifugio è d’obbligo. Ricominciata la discesa, un poco sotto il rifugio è possibile prendere una deviazione sulla sinistra abbastanza evidente che senza deviazioni vi riporta sullo sterrato principale e di seguiti alla deviazione per andare a costeggiare il lago alla destra e arrivare sulla diga. Giunti alla diga, non la si attraversa, ma si prosegue con logica la discesa a valle, arrivando di seguito ad uscire sullo sterrato principale di salita nei pressi di un tornante. Ora non si scende verso Rochemolles, ma si risale al tornante superiore per poi abbandonare subito il tracciato di salita imboccando sulla destra la deviazione per la Valfredda e Madonna della Neve. Dopo le baite un poco sopra le case, inizia uno splendido traverso in piano nel mezzo di uno splendido bosco. Si snoda sinuoso un tracciato per la bike di sorprendente bellezza e di sicuro divertimento. Leggeri e poco appariscenti, ma continui e ondulanti avvallamenti del sentiero, immersi in un ambiente magico, vorresti non finiscano mai e ti invogliano a continuare all’infinito. Questo traverso, lo si abbandona all’indicazione per Horres. Si lascia con rammarico questo traverso per scendere e rientrare a Bardonecchia passando poi anche per Millaures e Prerichard. Note positiva Era da tempo che volevo fare questo itinerario e devo dire che mi ha molto affascinato. Facile e molto semplice l’orientamento, splendido il paesaggio. Nota negativa La possibilità alle macchine e ad ogni mezzo motorizzato di transitare fino al colle, anche se l’accesso è limitato ad alcune fasce orarie della giornata.
05/09/2009
report_problem Il download del file consentito su Safari per dispositivi IOS
Importare i tracciati GPX su altre piattaforme
logo

Carica il file attraverso il tuo account Strava a questo indirizzo

logo

Inserisci l'indirizzo mail che utilizzi per il tuo account MotionX, per caricare il file GPX in automatico sul tuo account

* L'indirizzo e-mail inserito non verr registrato in alcun modo e servir esclusivamente come indirizzo di riferimento nel momento dell'invio del tracciato al proprio account motionx
perm_mediascarica il tracciato GPS

Immagini